L'ANNUNCIO

A Belfast la nuova cittadella della cybersecurity Microsoft

La capitale dell’Irlanda del Nord continua a svilupparsi come polo per la ricerca nell’ambito della sicurezza informatica. L’hub darà lavoro a 85 risorse, parte delle quali sarà formata grazie a un contributo governativo di quasi un milione di sterline

28 Gen 2020

D. A.

Belfast si conferma una delle capitali europee della cyber security: Microsoft ha infatti annunciato la creazione di un nuovo centro per la sicurezza informatica che sorgerà in Irlanda del Nord, al fianco di quelli già realizzati negli ultimi 14 mesi da nuovi player come Imperva, Constrast Security e Signifyd, che hanno seguito l’esempio di società più affermate come Proofpoint, Whitehat e Rapid7. Nella regione lavorano adesso più di 1.700 persone impiegate nel settore, un numero considerevole rispetto alla manciata di addetti censiti non più di una decina di anni fa.

Un’iniziativa sostenuta a livello governativo

Attualmente Microsoft impiega 28 persone presso l’hub tecnologico Catalyst nel Titanic Quarter, ma prevede di triplicare il suo organico portandolo a 85 risorse con un centro che servirà i maggiori clienti aziendali di Microsoft in Europa, Medio Oriente e Africa. L’iniziativa rappresenta un’importante occasione di crescita per la comunità locale, ed è per questo sostenuta dal ministero per l’Economia, che ha annunciato un finanziamento da 800 mila sterline per un programma di formazione sulle competenze, che dovrebbe essere gestito dal college Belfast Met. L’agenzia Invest Northern Ireland ha inoltre offerto 150 mila sterline per la creazione di 25 degli 85 ruoli previsti nel nuovo centro. A tutti i partecipanti che completeranno il programma verrà garantito un colloquio di lavoro con Microsoft per provare ad accedere alle nuove posizioni.

WEBINAR
Cyber Security: tra tecnologia e cultura del dato. Ecco cosa fanno i Security People
Sicurezza
Sicurezza dei dati

“L’espansione di Microsoft nell’Irlanda del Nord è una notizia entusiasmante e gradita. Non solo è un risultato diretto delle competenze e dei talenti disponibili qui, ma è anche un indicatore della forza e della vitalità del settore It locale, in particolare nel campo della sicurezza informatica”, ha dichiarato il ministro dell’Economia Diane Dodds, che ha sottolineato che il progetto è il risultato di un riuscito approccio di partnership tra il suo dipartimento, Invest Northern Ireland e Belfast Met. D’altra parte, la crescita del settore della sicurezza informatica è parte integrante dell’accordo New Decade, New Approach: il governo locale si è impegnato a promuovere l’Irlanda del Nord come hub globale per la sicurezza informatica con l’obiettivo di avere cinque mila professionisti nel settore entro il 2030.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3