Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

DIGITAL SKILLS

Accenture punta sulla cybersecurity: 150 assunzioni entro il 2018

Per 120 delle nuove posizioni è richiesta un’esperienza da tre a sette anni, mentre 30 sono riservate a giovani e neolaureati. Paolo Dal Cin: “C’è bisogno di persone in grado di offrire l’innovazione necessaria a migliorare la ‘cyber-resilienza’ delle aziende”

03 Dic 2018

A. S.

Centocinquanta talenti della cybersecurity da assumere entro la fine dell’anno prevalentemente per le sedi di Milano, Roma, Torino e Napoli. A lanciare la ricerca di personale specializzato è Accenture, che nello specifico punta a far entrare nel proprio organico 120 profili già esperti, che abbiano tra i tre e i sette anni di esperienza nel campo della sicurezza informatica e in particolare competenze tecniche e strategiche in cyber defence, ethical hacking, identity & access management, security strategy e cloud security. Altre trenta posizioni saranno invece riservate a giovani e neolaureati, a cui verrà offerto un contratto di apprendistato professionalizzante. Nel campo della trasformazione digitale oggi Accenture occupa 13mia persone, assumendone circa 1.500 ogni anno.

“Secondo il nostro studio ‘The State of Cyber Resilience 2018’, negli ultimi 3 anni il 22% delle aziende intervistate ha raddoppiato gli investimenti in cyber security e il 31% pensa di farlo nei prossimi 3 – afferma Paolo Dal Cin, managing director – Accenture security lead per l’Italia – Le organizzazioni sono quindi ben consapevoli di quanto la sicurezza informatica sia oggi un tema di primaria importanza, visto l’altissimo numero di attacchi a cui sono esposte e i meccanismi sempre più sofisticati che vengono utilizzati dal cyber crime. Inoltre, l’ampio impiego di tecnologie quali cloud, IoT e mobility ha espanso i confini del criminalità informatica, rendendo le aziende vulnerabili a rischi provenienti da qualsiasi parte del globo e danni difficilmente ipotizzabili o prevedibili. In questo scenario sempre più complesso – prosegue Dal Cin – le aziende hanno bisogno di persone in grado di offrire l’innovazione necessaria a migliorare la loro cyber-resilienza e continuare a condurre il proprio business in sicurezza. Accenture è costantemente impegnata nel formare esperti capaci di coniugare know how e utilizzo delle tecnologie più avanzate al fine non solo di rispondere, ma anche di anticipare le crescenti esigenze del mercato. Per questo offriamo ai nostri professionisti una continua formazione sia in Italia che all’estero, unita alla possibilità di conseguire importanti certificazioni di settore riconosciute dal mercato”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5