Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

CYBERSECURITY

Anonymous all’attacco: violate le e-mail di 30mila avvocati

Anche la sindaca Raggi tra le vittime dell’attacco informatico a danno dell’ordine di Roma. Indagano i tecnici del Cnaipic della Polizia postale. Il movimento di hacker ha pubblicato alcuni screenshot delle caselle di posta compromesse

07 Mag 2019

A. S.

Le caselle di posta elettronica di 30mila avvocati iscritti all’Ordine di Roma, tra i quali anche quella della sindaca della Capitale, Virginia Raggi, sono state violate da Anonymous, che ha pubblicato sul proprio blog alcuni screenshot delle e-mail compromesse. Tra questi i messaggi presumibilmente ricevuti dalla prima cittadina da parte dell’amministrazione dell’Ordine degli avvocati circa le quote di iscrizione.

Sulla vicenda stanno indagando di tecnici del Centro nazionale informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (Cnaipic) della Polizia Postale, anche se per il momento in Procura non è ancora stato ufficialmente aperto un fascicolo sul caso.

“Oggi Anonymous, con questa operazione e con l’avvicinarsi dell’anniversario della loro cattura – si legge nel messaggio pubblicato sul sito dagli hacker per l’occasione – vuole ricordare i vecchi amici Aken e Otherwise arrestati nel Maggio 2015. Non avete capito che Anonymous non ha leader? Arrestati 2 altri 100 ne nascono. Abbiamo continuato la nostra lotta, e nonostante gli arresti noi non ci arrendiamo. Vi lasciamo – prosegue il messaggio – un assaggio frutto delle nostre armi, cosicché possiate capire che nessuno è invulnerabile a questo mondo”

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2