DALL'AUTUNNO

Apple annuncia la funzione anti-spyware: dispositivi in Lockdown Mode

Tramite un tasto si potranno “isolare” parti del proprio iPhone e altri device per evitare eventuali intrusioni. Sarà possibile mettere in sicurezza allegati di posta elettronica e bloccare le chiamate su FaceTime

07 Lug 2022

Lorenzo Forlani

cyber- cybercrime- cybersecurity1

Apple lancerà il prossimo autunno una nuova funzione anti-spyware: si chiamerà Lockdown Mode, e consentirà a chiunque, premendo un pulsante, di isolare efficacemente parti del proprio iPhone e di altri dispositivi da possibili attacchi, tra cui allegati di posta elettronica e chiamate FaceTime non richieste.

Iniziativa per proteggere utenti ad alto rischio

Si tratta una delle più importanti iniziative, da parte di una grande azienda tecnologica, sul piano del contrasto all’industria dello spyware, i cui strumenti possono penetrare nei dispositivi senza che la “vittima” faccia clic su nulla. L’azienda di Cupertino ha dichiarato che in autunno rilascerà una nuova funzione per il software operativo di iPhone, Mac e iPad, progettata per proteggere gli utenti ad alto rischio, come i giornalisti e gli operatori dei diritti umani, da spyware sofisticati che sono stati collegati a violazioni dei diritti umani.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

La decisione arriva anche mentre l’amministrazione guidata da Joe Biden continua a cercare di limitare l’uso di spyware, dopo che nei mesi scorsi è emerso che hacker finanziati da alcuni Stati hanno la capacità di “infettare” modelli recenti di Iphone tramite attacchi “senza click” (cioè senza che l’utente clicchi su nulla), distribuiti attraverso la messaggistica. Gran parte degli attacchi avviene tramite il coinvolgimento dell’utente, indotto a fornire password o altri dati sensibili; gli attacchi che Lockdown mode vuole neutralizzare, invece, sono differenti, perché si servono di bugs e mettono in campo – visto il sostegno di Stati – strumentazioni molto costose, spesso a diretta disposizione di agenzie di sicurezza, con cui prendono il controllo di microfoni o telecamere, o anche della cronologia dell’utente.

Apple è stata più volte sollecitata sulla natura e sull’entità di questi attacchi, sia da vari governi che dal Congresso statunitense, l’ultima volta lo scorso marzo. Il colosso hitech, come riferisce Cnbc, metterà inoltre a disposizione fino a 2 milioni di euro per i ricercatori che dovessero individuare falle di sicurezza nel Lockdown Mode.

Gli svantaggi di Lockdown mode

All’orizzonte, tuttavia, anche alcuni svantaggi: quando gli utenti saranno in modalità Lockdown, non avranno la possibilità di utilizzare alcune funzioni di Apple, come la connessione fisica ad altri computer quando il telefono è sulla schermata di blocco, o iscriversi ai programmi di gestione dei dispositivi mobili che alcuni datori di lavoro usano per la gestione dei telefoni aziendali. Gli Iphone nel mondo sono più di un miliardo, e la nuova funzione è destinata ad una piccolissima frazione di utenti Apple che sono stati presi di mira dallo spyware. L’azienda non ha chiarito quanti siano gli utenti presi di mira dallo spyware ma ha fatto sapere che risiedono in circa 150 paesi diversi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

J
Joe Biden

Aziende

A
apple

Approfondimenti

C
cybersecurity
H
hitech
S
spyware

Articolo 1 di 4