Attacco hacker contro Under Armour: rubati i dati di 150 milioni di utenti - CorCom

CYBERSECURITY

Attacco hacker contro Under Armour: rubati i dati di 150 milioni di utenti

I criminali informatici hanno preso di mira gli account di MyFitnessPal, l’app per gli allenamenti del colosso dell’abbigliamento sportivo. Rubati dati sensibili come generalità, indirizzi e-mail e password, ma non gli estremi dei documenti e i numeri delle credit card

30 Mar 2018

Under Armour finisce nel mirino degli hacker. I criminali informatici sono riusciti a violare l’app e il sito web dedicati al benessere e agli allenamenti del colosso dell’abbigliamento sportivo, MyFitnessPal, appropriandosi dei dati sensibili di 150 milioni di utenti: generalità, indirizzi e-mail e le credenziali utilizzate per accedere al servizio. Sarebbero rimasti al sicuro, invece, gli estremi dei documenti e i numeri delle carte di credito.

L’attacco, secondo le notizie che circolano sui media statunitensi, sarebbe stato lanciato a febbraio, e sarebbe – secondo SecurityStorecard –  il più massiccio dall’inizio del 2018, oltre che uno dei primi cinque fino a oggi per la mole di dati violati, dopo quello contro Yahoo del 2013, che coinvolse 3 miliardi di account, quello contro FriendFinder, che nel 2016 aveva subito il “furto” dei dati di 42 milioni di propri clienti.

WHITEPAPER
Quali sono stati i casi di cybercrime più aggressivi degli ultimi anni? Scoprilo nel white paper
Cybersecurity

Under Armour ammettendo il problema afferma di essere al lavoro con alcune aziende specializzate in cybersecurity e con gli investigatori, e non fornisce dettagli su come i criminali informatici siano riusciti a eludere le difese e a esfiltrare i dati senza essere scoperti “con le mani nel sacco”.

Avvisando i propri utenti con un messaggio sul proprio sito Web, Under Armour chiede loro di modificare immediatamente le proprie credenziali d’accesso al servizio MyFitnessPal: “Continuiamo a monitorare la situazione – spiega il colosso dell’abbigliamento sportivo – per scoprire eventuali attività sospette in coordinamento con le autorià e le forze dell’ordine”, annunciando la sperimentazione d nuovi servizi per prevenire e scoprire nuovi accessi non autorizzati agli account degli utenti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
cybersecurity
H
hacker
S
sicurezza
Y
Yahoo