Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA COLLABORAZIONE

Auto connesse a prova di hacker: in campo Trend Micro e Luxoft

Le aziende svilupperanno sistemi per rilevare e prevenire i cyberattacchi: tecniche di machine learning permetteranno di identificare anomalie nella comunicazione

02 Mag 2019

F. Me

Proteggere le connected car dagli attacchi informatici. E’ questo l’obiettivo dell’accordo tra Trend Micro e Luxoft specializzata in strategie digitali e ingegneristiche: le aziende introdurranno e svilupperanno sistemi di Intrusion Detection (Ids) e Intrusion Prevention (Ipd) all’interno di una soluzione integrata di cybersecurity, pensata per rilevare, mitigare e affrontare gli attacchi alle connected car.

L’industria automobilistica è in rapida evoluzione. Secondo Gartner entro il 2025 circolerà oltre 1 miliardo di veicoli, sia commerciali che privati. Le auto connesse e i servizi di mobilità offrono infinite opportunità, ma con l’introduzione di una connettività always-on e di servizi on-demand, i costruttori si troveranno vulnerabili alle minacce informatiche.

“Siamo orgogliosi di questo accordo con Luxoft, che risponde a una sfida di security sempre più grande nel mondo delle connected car- commenta Akihiko Omikawa, executive vice president for IoT security at Trend Micro – Questa soluzione consentirà ai produttori di automobili di disporre delle necessarie contromisure per bloccare le minacce cyber. Combinando le capacità e le competenze di Luxoft nel settore automobilistico con le competenze informatiche di Trend Micro, saremo in grado di affrontare le nuove sfide della digitalizzazione dei sistemi di bordo”.

La soluzione di IdpsS sviluppata appositamente per i veicoli, includerà tecniche di machine learning che permetteranno di identificare anomalie nella comunicazione, oltre che nel comportamento e nello stato dei componenti. Il machine learning si baserà su dati raccolti da meccanismi avanzati di rilevamento, previsti all’interno del veicolo. Inoltre, la soluzione potrà sfruttare l’intelligence globale sulle minacce di Trend Micro e fornire ai produttori di veicoli informazioni sugli attacchi, le vulnerabilità e le contromisure.

La soluzione Idps includerà una data collection e un detection engine, per offrire un ulteriore livello di protezione contro le intrusioni nei sistemi.  “La nostra partnership con Trend Micro fornirà una soluzione di cyber security integrata per le connected car e la mobility. Manterrà quindi i veicoli al sicuro, permettendo allo stesso tempo una mobility affidabile all’interno”, spiega Alwin Bakkenes, Executive Vice President of Automotive at Luxoft.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4