Coronavirus, record di malware e truffe online via e-mail - CorCom

CYBERSECURITY

Coronavirus, record di malware e truffe online via e-mail

In crescita esponenziale i tentativi di phishing: in pole position i messaggi che invitano a cliccare su siti destinati alle donazioni o che promettono cure, anche in cambio di bitcoin. Obiettivo: rubare credenziali bancarie e denaro

18 Mar 2020

Antonio Dini

Offensiva hacker sfruttando la confusione del momento. Si moltiplicano in rete gli attacchi centrati attorno al tema del coronavirus, vero cavallo di Troia per cercare di rubare le informazioni personali e aziendali, i dati sensibili, e arrivare a compromettere e portare via l’identità digitale delle persone e il loro denaro.

Lo sostiene la società di analisi Proofpoint, che spiega che sono in corso nuovi attacchi lanciati dai gruppi di hacker TA505 e TA564, ben noti e prolifici, che hanno realizzato avanzate campagne mirate al settore sanitario, manifatturiero e farmaceutico e a servizi sanitari pubblici. In totale, i ricercatori hanno osservato attività di phishing per il furto di credenziali, invio di allegati e link pericolosi, attacchi di business email compromise, utilizzo di landing page fittizie, downloader, messaggi spam e malware, e tutti utilizzano il coronavirus come “esca” per gli utenti.

“Per più di cinque settimane – spiega Sherrod DeGrippo, Senior Director di Proofpoint – il nostro team di ricerca sulle minacce ha osservato numerose campagne email pericolose legate a Covid-19. Molte approfittano della paura per tentare di convincere le potenziali vittime ad aprire un allegato o un link. I cyber criminali hanno inviato ondate di email (da dodici a oltre 200mila alla volta) e il numero di campagne sta continuando ad aumentare. Inizialmente abbiamo assistito ogni giorno a una singola campagna a livello globale, ora ne stiamo osservando 3-4 al giorno. È un incremento sostanziale, che mette bene in chiaro quanto notizie globali del genere possano essere interessanti per i cybercriminali”.

Tra gli attacchi malware identificati da Proofpoint ci sono quello di un malware sconosciuto (battezzato Redline Stealer), che invita gli utenti a supportare la ricerca di una cura per il coronavirus, email indirizzate a genitori e tutori che iniettano il malware Ursnif nei Pc di chi clicca sugli allegati; email mirate alle aziende sanitarie che offrono cure in cambio di bitcoin e infine false guide contenenti indicazioni di protezione per famiglia e amici che invitano ad aprire dei link pericolosi.

WEBINAR
Sicurezza e Smart Working: elementi strategici per il business
Sicurezza
Cybersecurity

“Gli strumenti che gli hacker utilizzano sfruttando il Covid-19 – aggiunge DeGrippo – sono tecniche di ingegneria sociale su larga scala. I malintenzionati sanno che le persone cercano informazioni sulla sicurezza e sono quindi più propensi a cliccare su link potenzialmente pericolosi o a scaricare allegati”.

Circa il 70% delle email rilevato da Proofpoint include malware e un ulteriore 30% ha l’obiettivo di rubare le credenziali degli utenti. il malware e un ulteriore trenta per cento mira a rubare le credenziali della vittima. La maggior parte dei messaggi tenta di rubare le credenziali utilizzando pagine di destinazione fittizie come Gmail o Office 365 e richiede agli utenti di inserire i propri dati di accesso.

@RIPRODUZIONE RISERVATA