GUERRA UCRAINA

Cybercrime, Google: “Phishing contro la Nato, protagonisti gli hacker russi”

Le infrastrutture informatiche dell’Alleanza e quelle di alcune forze militari appartenenti a paesi dell’Europa orientale sono finite nel mirino di gruppi riconducibili alla Russia. A renderlo noto un report pubblicato dal Threat Analysis Group di BigG. Ecco cosa è successo

31 Mar 2022

F. Me

hacker, cybersecurity

Gli hacker russi hanno recentemente tentato di infiltrarsi nelle reti della Nato e dei ministeri della difesa di diversi paesi dell’Europa orientale, secondo un rapporto del Threat Analysis Group (Tag) di Google. Il report non dice quali forze armate siano state prese di mira in quelle che Google ha descritto come “campagne di phishing delle credenziali”.

“Le campagne sono attuate sfruttando nuovi account Gmail creati appositamente e destinate ad account non riconducibili a Google, dunque la loro efficacia non può essere stimata”, spiega Tag.

La responsabilità di quanto rilevato è attribuita a un gruppo identificato come Callisto o, in alternativa, Coldriver. È la stessa realtà descritta nel 2019 dalla finlandese F-Secure Labs  come “interessata alla raccolta di informazioni relative alla politica estera e alla sicurezza in Europa”.

Funzionari statunitensi hanno ripetutamente avvertito che la Russia e i gruppi di hacker sostenuti dalla Russia rappresentano una minaccia, mentre la Russia ha negato le accuse di attacchi informatici crescenti contro obiettivi occidentali.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4