Cybercrime, Clusit: "Escalation sottostimata delle minacce, rischi seri per governi e sanità" - CorCom

IL REPORT

Cybercrime, Clusit: “Escalation sottostimata delle minacce, rischi seri per governi e sanità”

Nel primo semestre 2021 individuati 1.053 attacchi gravi, il 24% in più anno su anno. Le attività con effetti “molto importanti” e “critici” sono il 74% del totale. Salgono all’88% quelle mirate all’estorsione di denaro. Il presidente Faggioli: “Serve veicolare conoscenza e attenzione ed è fondamentale investire in logica di aggregazione ed economia di scala, per rendere gli attacchi più onerosi e pericolosi per i criminali”

09 Nov 2021

I primi sei mesi del 2021 mostrano un aggravamento della situazione sul fronte della sicurezza cyber. A dirlo è il Rapporto Clusit 2021, presentato questa mattina nel corso di Security Summit Streaming Edition, organizzato dalla stessa Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica in collaborazione con Astrea.

Oltre mille attacchi gravi (+24%)

Per il primo semestre 2021 sono stati analizzati 1.053 gli attacchi cyber gravi, ovvero con un impatto sistemico in diversi aspetti della società, della politica, dell’economia e della geopolitica. Si tratta del 24% in più rispetto allo stesso periodo del 2020, per una media mensile di attacchi gravi pari a 170, contro i 156 del 2020.

WHITEPAPER
Strategie e tecniche di difesa dagli attacchi: come cambia il Network Security
Sicurezza
Cybersecurity

Questa escalation, secondo i ricercatori di Clusit è tra l’altro probabilmente sottostimata, poiché il campione analizzato comprende esclusivamente attacchi di pubblico dominio e, tra questi, alcune classi di incidenti sono sistematicamente sottorappresentate.

“I dati del Rapporto Clusit che abbiamo presentato questa mattina a Security Summit ci mostrano un trend di crescita inarrestabile del cyber crimine – sottolinea il presidente del Clusit Gabriele Faggioli –. La situazione nel nostro Paese è aggravata dal fatto che abbiamo una bassissima disponibilità e/o possibilità di investimento in cybersecurity e non ci sono in via generale le condizioni perché si raggiunga un livello di sicurezza efficace a livello di Sistema Paese: attualmente spendiamo in sicurezza 1,4 miliardi l’anno, senza una regia che metta a fattor comune gli investimenti, senza economia di scala e sempre in logica particolaristica. Questa dispersione, che riflette vari aspetti del nostro paese, ci rende più deboli degli attaccanti,  sia come aziende, che come pubbliche amministrazioni, che come cittadini”. Secondo Faggioli “da una parte serve veicolare conoscenza e attenzione su questi temi per aumentare la percezione dei rischi che corriamo e, dall’altra, è fondamentale investire in logica di aggregazione ed economia di scala, per rendere gli attacchi più onerosi e pericolosi per i criminali”.

Nel primo semestre 2021 sono in aumento del 21% gli attacchi gravi compiuti per finalità di “Cybercrime”, ovvero per estorcere denaro alle vittime, che oggi rappresentano l’88% del totale. Sono inoltre cresciuti del 18% gli attacchi riferibili a “Information Warfare”, la cosiddetta “guerra delle informazioni”; in diminuzione, invece, quelli classificati come attività di “Cyber Espionage” (-36,7%), dopo il picco straordinario del 2020 dovuto principalmente allo spionaggio relativo allo sviluppo di vaccini e cure per il Covid-19, come evidenziato nel Rapporto Clusit dello scorso anno.

Gli esperti di Clusit la definiscono ormai “un’emergenza globale”. Le perdite stimate per le falle della cybersecurity sono pari a 6 trilioni di dollari per il 2021 e incidono ormai per una percentuale significativa del Gdp mondiale, con un tasso di peggioramento annuale a due cifre e un valore pari a tre volte il Pil italiano.

Da anni siamo di fronte a problematiche che per natura, gravità e dimensione travalicano costantemente i confini dell’Ict e della stessa Cyber Security ed hanno impatti profondi, duraturi e sistemici su ogni aspetto della società, della politica, dell’economia e della geopolitica”, afferma Andrea Zapparoli Manzoni, co-autore del Rapporto Clusit e membro del Comitato Direttivo Clusit.

In riferimento al nostro Paese, Zapparoli Manzoni afferma inoltre: “Auspichiamo che il Pnrr, che complessivamente alloca circa 45 miliardi di euro per la transizione digitale, possa rappresentare per l’Italia l’occasione di mettersi al passo e colmare le proprie lacune anche in ambito cyber, per portare a una significativa riduzione della superficie di attacco esposta dal Paese”.

Chi è stato colpito, dove e perché

Utilizzando una tassonomia delle vittime basata su standard interazionali, i ricercatori Clusit hanno ricondotto gli attacchi gravi individuati a venti settori merceologici. In termini assoluti, rispetto al secondo semestre 2020, da gennaio a giugno 2021 si osserva l‘incremento più elevato degli attacchi gravi nelle categorie:

– Transportation / Storage: +108,7%

– Professional, Scientific, Technical: +85,2%

– News & Multimedia: +65,2%

– Wholesale / Retail: +61,3%

– Manufacturing: +46,9%

– Energy / Utilities: +46,2%

– Government: (+39,2%)

– Arts / Entertainment: +36,8%

– Healthcare: +18,8%

La categoria “Multiple Targets” (si tratta di attacchi gravi compiuti in parallelo dallo stesso gruppo di attaccanti contro numerose organizzazioni appartenenti a categorie differenti) registra invece una diminuzione del 23,4% rispetto al secondo semestre 2020. Siamo di fronte a un cambio di strategia da parte degli attaccanti rispetto allo scorso anno: secondo gli esperti Clusit l’aumento di attacchi gravi mirati verso singoli bersagli rappresenta un importante campanello di allarme, in particolare perché caratterizzati da tecniche di tipo ransomware con l’aggravante della “double extortion”, cioè della minaccia di diffondere i dati rubati alle vittime qualora non paghino il riscatto.

In termini percentuali la categoria “Government” rappresenta il 16% del totale e si conferma al primo posto tra le vittime, come nel precedente semestre. Al secondo posto, ancora la Sanità, con il 13% degli attacchi totali, ed al terzo “Multiple Targets”, che in questo semestre rappresenta il 12% delle vittime. Le altre categorie merceologiche in crescita – che sommate compongono il 50% degli attacchi rilevati – sono comprese tra l’11 ed il 4% degli attacchi, dimostrando ancora una volta che gli attaccanti si muovono a tutto campo, e che tutti sono potenziali bersagli.

Rispetto alla distribuzione geografica degli attacchi, sono aumentati sensibilmente quelli rivolti a realtà basate in Europa: un quarto degli attacchi sono infatti diretti verso quest’area, in crescita di dieci punti percentuali rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Rimangono sostanzialmente invariate le percentuali di vittime di area americana e quelle appartenenti ad organizzazioni asiatiche. Diminuiscono invece percentualmente gli attacchi gravi verso bersagli con sedi distribuite in diversi Paesi, che rappresentano il 16% nel primo semestre 2021, rispetto al 25% dello stesso periodo del 2020.

Le tecniche d’attacco: crescono quelle sconosciute

Anche in questo caso, i ricercatori Clusit si basano su una tassonomia derivata da framework internazionali, articolata su otto macrocategorie. “Malware” è la categoria che nei primi sei mesi di quest’anno mostra numeri assoluti maggiori: rappresenta infatti il 43% del totale, in crescita del 10,5%. Le tecniche sconosciute (categoria “Unknown”) sono al secondo posto, in aumento del 13,9% rispetto al secondo semestre 2020, superando la categoria “Vulnerabilità note”, che è per altro in preoccupante crescita (+41,4%) e “Phishing / Social Engineering”, in leggero calo (-13%). Aumentano dell’11,6% gli attacchi gravi condotti con “Tecniche Multiple”. Infine, gli attacchi gravi con finalità di “Denial of Service” diminuiscono (-42,9%), così come quelli realizzati tramite “Identity Theft / Account Hacking” (-29,5%).

In sostanza, commentano gli esperti Clusit, gli attaccanti possono ancora fare affidamento sull’efficacia del Malware, prodotto industrialmente a costi decrescenti, e sullo sfruttamento di vulnerabilità note, per colpire più della metà dei loro obiettivi, ovvero il 59% dei casi analizzati.

Il 22% di attacchi realizzati con “tecniche sconosciute” (che crescono del 13,9%) è dovuto al fatto che un quinto degli attacchi diventano di dominio pubblico a seguito di un “data breach”: in questo caso, le normative impongono una notifica agli interessati, ma non di fornire una descrizione precisa delle modalità dell’attacco.

La gravità degli attacchi

Il Rapporto Clusit 2021 valuta poi la “severity” degli attacchi analizzati, secondo quattro categorie, con l’obiettivo di individuare come evolvono gli impatti degli attacchi, partendo dalla constatazione che spesso questa valutazione non coincide con l’aumento del numero di attacchi da parte di una specifica categoria di attaccanti o verso una certa categoria di vittime. Le variabili che contribuiscono a comporre questa valutazione per ogni singolo attacco analizzato sono molteplici ed includono l’impatto geopolitico, sociale, economico – diretto e indiretto – e di immagine. Nel primo semestre 2021 gli attacchi gravi con effetti “molto importanti” e “critici” sono il 74% del totale. Nel 2020 questa percentuale era il 49%. Il 22% degli attacchi analizzati sono di impatto significativo, quelli con impatto basso solo il 4%.

La seconda edizione del Rapporto Clusit 2021 include inoltre “L’analisi degli attacchi in Italia nel periodo gennaio-giugno 2021” svolta da Fastweb sulla base dei dati rilevati dal Fastweb Security Operations Center, che ha registrato nel semestre 36 milioni di eventi malevoli, in aumento del 180% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo studio integra infine un contributo che illustra le attività di prevenzione e di contrasto alla criminalità informatica in generale svolte dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni nel primo semestre dell’anno, oltre a un rapporto della Polizia Criminale e del Cert di Banca d’Italia.

WHITEPAPER
Quali sono le minacce digitali che mettono in pericolo le vendite al dettaglio?
Retail
Sicurezza
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4