COMPETENZE

Cybersecurity, a Salerno un polo per le tecnologie di frontiera

Nel polo universitario di Penta di Fisciano via al centro di eccellenza di Intellera Consulting, creato in collaborazione con Pwc, in cui giovani neolaureati lavoreranno al fianco dei professionisti delle società di consulenza su progetti nazionali e internazionali

05 Ott 2022

Lorenzo Forlani

cybersecurity2-170913171725

La nuova sede di Intellera Consulting è stata inaugurata all’interno dell’Università di Salerno a Penta di Fisciano, in collaborazione con Pwc, alla presenza del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e del Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza nazionale Roberto Baldoni. Sorge così nella città partenopea un centro di competenza per progetti di cybersecurity e tecnologie di frontiera. 

Professionisti affiancheranno 180 neo laureati e laureandi

Si tratterà di un open space realizzato nella sede storica dell’antico Monastero “ex-Immacolata Concezione”, in cui i professionisti delle due società di consulenza opereranno a fianco di 180 giovani neo-laureati e laureandi dell’ateneo che nei prossimi tre anni saranno selezionati per lavorare su programmi nazionali e internazionali in ambito Digital Transformation, Data Science, Ricerca e Innovazione, con un focus specifico sulla Cybersecurity nell’ambito del progetto “The Nest”. 

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity

Un’opportunità per trattenere sul territorio i migliori talenti, supportare i giovani nel mettere in campo le conoscenze apprese durante il percorso universitario e fornire una concreta opportunità di sviluppo professionale, ma anche per attrarre al Sud nuove risorse qualificate, in un ecosistema formativo di eccellenza.

Cybersecurity sempre più centrale anche nel Pnrr

In uno scenario di trasformazione digitale che vede un costante aumento degli attacchi informatici, cresce l’importanza della cybersecurity: di recente è stata introdotta l’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale (Acn), mentre il Pnrr prevede nelle sue diverse missioni investimenti per 623 milioni di euro da destinare a presidi e competenze di cybersecurity nella Pa, oltre a fondi per la ricerca e la creazione di partenariati su temi innovativi, tra cui la sicurezza informatica. Proprio in ambito Pnrr, l’Università di Salerno è capofila di un programma nazionale sulla Cybersecurity, a testimonianza dell’impegno che l’Ateneo rivolge allo studio e alla ricerca in questo settore, in un’ottica fortemente multidisciplinare.

Sessanta assunzioni previste nei prossimi 3 anni legate a ‘The Nest’

Il progetto “The Nest – Abilitare la crescita investendo nei talenti”,  realizzato da Intellera Consulting in collaborazione con Pwc, prevede l’attivazione di tirocini curriculari ed extracurriculari e contratti di apprendistato professionalizzante con possibilità di assunzione a tempo indeterminato per laureati e iscritti ai corsi di laurea dell’Università degli Studi di Salerno, ma anche la partecipazione a progetti di innovazione e trasformazione digitale nell’ambito del Pnrr e la costituzione di centri di Ricerca & Sviluppo condivisi con l’Università per valorizzare il patrimonio di competenze e conoscenze nato dalla ricerca universitaria. Si stimano 60 assunzioni l’anno nei prossimi tre anni. 

Il rettore Loia: “Speriamo che questo spazio diventi un hub di competenza sull’innovazione”

“A Salerno nasce una vera e propria ‘business e competence community’ su temi tecnologici legati al Pnrr, in particolare focalizzata su cybersecurity, data science e trasformazione digitale – ha affermato Giancarlo Senatore, Amministratore Delegato di Intellera Consulting. “Grazie alla collaborazione con l’Università di Salerno, costruiamo un ‘ponte’ tra mondo universitario e del lavoro per la formazione e l’inserimento qualificato di giovani talenti, che hanno l’occasione di operare su progetti nazionali e internazionali, contribuendo alla crescita del loro territorio. Ma il nuovo centro si apre anche alle tante risorse che intendono fare ritorno al Sud, per lavorare in una realtà dinamica e innovativa, con il supporto di un sistema universitario di eccellenza”, ha aggiunto.

“È una bella e significativa opportunità di crescita per i nostri giovani – ha invece detto il Rettore dell’Università degli Studi di Salerno, Vincenzo Loia. “Un’occasione di misurare sul campo le competenze apprese nel corso degli anni universitari e di svilupparne di nuove. Ci sarà la possibilità infatti di lavorare a stretto contatto con esperti del settore Digital e di farlo direttamente sul proprio territorio regionale. Ci auguriamo che questo spazio oggi ufficializzato possa diventare un vero Hub di competenza sui temi dell’Innovazione, luogo di ricerca, confronto e sviluppo professionale”, ha concluso Loia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4