Alleanza Polizia-Efsa per la cybersecurity alimentare - CorCom

L'INTESA

Alleanza Polizia-Efsa per la cybersecurity alimentare

Siglato da Franco Gabrielli e Bernard Url l’accordo di collaborazione fra istituzioni italiane ed europee per proteggere i servizi essenziali dalle minacce cyber

02 Lug 2020

Veronica Balocco

Più tutela per i sistemi e i servizi informativi di particolare rilievo per l’Italia. A preveniree contrastare i crimini informatici che hanno per oggetto proprio questi strumenti saranno le azioni che verranno messe in campo da Polizia di Stato e Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), in virtù di un accordo siglato in questi giorni. L’intesa, siglata dal Capo della Polizia Franco Gabrielli e dal direttore esecutivo di Efsa Bernhard Url, fa parte delle attività di potenziamento della prevenzione alla criminalità informatica promosse dal Ministero dell’Interno: un progetto che si concretizza appunto nella stipula di accordi con i fornitori di prestazioni essenziali.

Con questo accordo prende sempre più forma il processo di costruzione di una fattiva collaborazione fra istituzioni pubbliche italiane ed europee. L’intento è quello di porre un argine davanti all’insidiosità delle minacce informatiche e alla mutevolezza con la quale esse si realizzano, grazie alla realizzazione di un sistema di contrasto al cybercrime fondato sulla condivisione informativa e sulla cooperazione operativa.

WHITEPAPER
Quali sono stati i casi di cybercrime più aggressivi degli ultimi anni? Scoprilo nel white paper
Cybersecurity

Per la Polizia di Stato, l’intesa vede in prima linea il Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, che da anni si occupa della tutela delle reti informatiche di realtà, sia pubbliche che private, di rilievo nazionale e di importanza strategica per il paese. Sua controparte nell’accordo, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, agenzia dell’Unione europea che fornisce consulenza scientifica e una comunicazione efficace in materia di rischi, esistenti ed emergenti, associati alla catena alimentare. Le sue funzioni istituzionali sono supportate da sistemi informatici, tecnologici e reti telematiche che richiedono una specifica tutela rcontro ogni tipo di minaccia informatica e cybernetica.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3