Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Blackberry si dà alla cybersecurity e battezza i Labs

Via alla business unit del gruppo canadese dedicata alla ricerca e allo sviluppo delle nuove tecnologie applicate alla Data Protection

03 Ott 2019

D. A.

Nascono i BlackBerry Advanced Technology Development Labs (BlackBerry Labs), una nuova unità operativa del gruppo canadese che opererà in prima linea nella ricerca e nello sviluppo nello spazio della sicurezza informatica.

Stando a quanto precisa il Cto Charles Eagan in una nota, BlackBerry Labs includerà un team di oltre 120 sviluppatori di software, architetti, ricercatori, lead di prodotto ed esperti di sicurezza, guidati dall’obiettivo comune di identificare, esplorare e creare nuove tecnologie per garantire che il gruppo sia all’avanguardia dell’innovazione della sicurezza.

Una business unit autonoma ma improntata alla collaborazione

L’avvento dell’Internet of Things (IoT), in concomitanza all’affermazione di una serie di minacce sempre più imprevedibili, implica un nuovo approccio metodologico alla Data Protection.

Con una forte attenzione alla scienza dei dati e all’apprendimento automatico i BlackBerry Labs si concentreranno inizialmente sul machine learning applicato alla sicurezza in collaborazione con le unità aziendali Cylance, Enterprise e Qnx.

“L’istituzione dei BlackBerry Labs è l’ultima di una serie di mosse strategiche che abbiamo intrapreso per garantire che i nostri clienti siano protetti su tutti gli endpoint e verticali nel nuovo IoT”, spiega Charles Eagan. “L’industria della sicurezza informatica di oggi sta rapidamente avanzando, e BlackBerry Labs opererà come una unità di business autonoma, focalizzata esclusivamente sull’innovazione e lo sviluppo delle tecnologie necessarie a garantire il nostro successo competitivo, esplorando tutti i temi del caso dalla A alla Z: dall’Artificial Intelligence agli ambienti Zero Trust. Crediamo che questo team di grande esperienza ci permetterà di rimanere agili, impegnati e, soprattutto, propositivi nello sforzo di mantenrre la leadership tra i produttori di software per la sicurezza più affidabili del mercato”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5