I NUMERI

Cybersecurity, il Viminale: “Attacchi a +78,5% in un anno”

I dati diffusi a ferragosto in occasione del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese. 8.814 le offensive degli hacker registrate negli ultimi 12 mesi, contro le 4.938 dell’anno precedente  

16 Ago 2022

A. S.

sicurezza informatica

Gli attacchi informatici che si sono registrati dal 31 luglio 2021 al primo agosto 2022 sono complessivamente 8.814, il 78,5% in più rispetto a quelli che erano stati rilevati nell’anno precedente. E’ quanto emerge dai dati pubblicati dal Viminale durante la tradizionale riunione di ferragosto del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica, che è stato presieduto dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese.

All’incontro hanno partecipato il sottosegretario all’Interno Nicola Molteni, il capo di Gabinetto del Viminale, il Comandante Operativo di Vertice Interforze (Covi), il capo della Polizia e direttore generale della Pubblica sicurezza, i comandanti generali dell’Arma dei carabinieri e della Guardia di finanza, il capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap), i vertici del Dis, dell’Aisi e dell’Aise, il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, il Capo del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile e il Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, il Capo del Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione del Viminale, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera e il Direttore dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata. Durante la riunione, inoltre, il ministro si è collegata con la Sala del dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei ministri e con alcuni presidi territoriali della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia Penitenziaria, della Capitaneria di Porto e del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Nello specifico della sicurezza informatica, il dossier pubblicato dal Viminale evidenzia che gli alert di cybersecurity diramati in un anno fino al primo agosto sono stati 114.939, rispetto ai 102.517 dei 12 mesi precedenti. Per quanto riguarda la prevenzione antiterrorismo, ossia la prevenzione dell’eversione internazionale dell’estremismo religioso e politico, i contenuti web monitorati dal primo agosto 2021 al 31 luglio 2022 sono stati 67.167, mentre quelli oscurati sono stati 258. Quanto poi alla pedopornografia on-line, i siti presenti in black list nel periodo primo agosto 2021-31 luglio 2022 sono stati 2.595, le perquisizioni 1.386, gli arresti 150 e i denunciati 1.212.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4