IL GAP

Cybersicurezza, mancano quasi 3 milioni di esperti a livello globale

In occasione della World Youth Skills day, uno studio dell’Information System Security Certification Consortium rivela una importante carenza di professionisti nel settore: “Le ragazze, i giovani con disabilità, quelli provenienti dalle famiglie più povere, dalle comunità rurali sono esclusi”

15 Lug 2022

Lorenzo Forlani

Cybersecurity PenTest

La carenza di professionisti nel campo della cybersecurity, a livello globale, è stimata a 2,7 milioni. Lo rivela uno studio dell’Information System Security Certification Consortium (ISC), in occasione del World Youth Skills day, la giornata – istituita nel 2014 dalle Nazioni Unite – che sensibilizza temi come le competenze per l’occupazione, il lavoro dignitoso e l’imprenditorialità per i giovani. La pandemia da COVID-19 ha portato la maggior parte del mondo a una rapida digitalizzazione, per la quale le infrastrutture e le istituzioni generali non erano preparate, o almeno non erano pronte a farlo rapidamente. Molte persone si sono dovute adattare a lavorare da casa, con i pericoli che ciò comporta, e ora mancano esperti in grado fermare i criminali informatici, rivela lo studio.

Check Point Software Technologies vuole sottolineare quindi l’attuale scarsità di forza lavoro nel settore, e la necessità di fornire ai giovani gli strumenti per entrare nel settore, indipendentemente dalla loro situazione.

Questa è una giornata molto importante per sostenere il diritto degli studenti di tutto il mondo ad avere l’opportunità di intraprendere una carriera nel campo che più li interessa, anche a fronte di ostacoli o ambienti con possibilità di crescita professionale limitate”, ha dichiarato Pierluigi Torriani, Security Engineering Manager di Check Point Software. “Per quanto riguarda il nostro settore, siamo preoccupati per la mancanza di personale in una industry che offre molti sbocchi professionali di qualità. Ci auguriamo che nei prossimi anni, grazie ai nostri sforzi e a quelli del resto della comunità internazionale, questa situazione possa cambiare in meglio.”

Le iniziative di Check Point per preparare nuovi esperti

Per preparare quindi gli studenti, dotandoli di competenze tecnologiche di cui hanno bisogno per il futuro, Check Point SecureAcademy fornisce istruzione sulla cybersecurity in tutto il mondo, attraverso partnership con istituzioni di terze parti con un programma di formazione chiamato Check Point Mind, che offre a operatori e studenti le competenze principali sulla cybersecurity, strumenti di apprendimento e certificazioni, attraverso un programma di istruzione gratuito.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Sicurezza

In tutto il mondo, circa 45.000 studenti oggi utilizzano i contenuti didattici gratuiti di Check Point SecureAcademy, tra cui i corsi di simulazione Cyber Range e HackerPoint, di oltre 120 istituti di istruzione superiore, in 53 Paesi. Un’altra offerta è la soluzione, Check Point SmartAwareness, una formazione volta alla sensibilizzazione della sicurezza per le aziende che prepara ogni dipendente in modo da essere pronti quando si verifica un attacco reale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4