CORRIERE DELLE COMUNICAZIONI

La Classificazione delle informazioni come strumento abilitante per l’attuazione della strategia di sicurezza dell’azienda

L’informazione non è solo un valore da proteggere, ma una guida efficace per valutare il valore degli asset aziendali

26 Mag 2016
webinar-150616122121

Molte aziende iniziano solo in questi tempi a comprendere che è necessario un cambio di passo nella gestione della sicurezza. Da dove iniziare, cosa fare prima e quale sia il livello adeguato di intervento è un problema assolutamente non secondario se si considera l’esigua disponibilità di tempo, mezzi e strumenti in cui tali iniziative si inquadrano.

Il Webinar, in streaming il 23 giugno su Osservatori.net a partire dalle 12.00, mostrerà come l’informazione, che costruisce “l’elemento atomico” del sistema informativo, non è solo un valore da proteggere, ma costituisce una guida efficace per valutare il valore degli asset aziendali, per porre in relazione IT e business e individuare le priorità di intervento. Tale approccio può però portare a delle inefficienze se non è impostato tenendo conto di una serie di razionali, tra i quali la valutazione delle caratteristiche del contesto operativo dell’azienda. Ne parleremo assieme portando in esempio alcuni casi reali.

Il Webinar è rivolto a responsabili IT, responsabili e personale (inclusi i consulenti) impiegato nella gestione della sicurezza ICT, nell’ambito della governance del sistema informativo e al corrente delle più comuni difficoltà di attuazione dei processi IT in aziende medie o grandi. I temi trattati potranno essere di interesse anche per piccole imprese per le quali i dati trattati attraverso il sistema informativo (es: brevetti, dati sanitari, dati protetti da copyright, …) sono determinanti per accrescere il volume di business e la competitività.

Il Webinar sarà tenuto da Luca Bechelli. Esperto di sicurezza delle informazioni, dal 2.000 svolge attività di ricerca e sviluppo su tematiche di Compliance, Security Governance, Risk Management, Data Protection, Privilege Management, Incident handling. Ha collaborato alla realizzazione di numerosi studi e pubblicazioni di riferimento per il settore. È membro del Consiglio Direttivo e del Comitato Tecnico Scientifico del Clusit, con delega su Tecnologie e Compliance.

Per maggiori informazioni e per iscriversi, cliccare qui.

Argomenti trattati

Approfondimenti

P
privacy
S
sicurezza

Articolo 1 di 4