Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA DENUNCIA

Microsoft sventa offensiva hacker russa: “Democrazia sotto attacco”

Bloccata una campagna di phishing architettata dai gruppi sospettati per il Russiagate. Per carpire informazioni personali sui cittadini in vista delle elezioni di mid-term. Brad Smith: “Si vuole interrompere le elezioni e seminare discordia”. Ma il Cremlino smentisce: “Non sappiamo di cosa parlino”

21 Ago 2018

L’ombra dell’azione dei criminali informatici si estende sulle elezioni Usa di medio termine. Un gruppo di utenti dei siti internet di associazioni politiche legate al mondo repubblicano, come l’Hudson Institute e l’International republican institute, sono stati presi di mira  da un attacco di phishing in cui gli hacker li invitavano con un pretesto ad accedere a dei duplicati dei siti delle associazioni, allo scopo di arrivare a carpire le loro credenziali ed entrare così in possesso di informazioni personali sul loro conto in vista delle consultazioni in programma a novembre. Tra i mittenti delle mail-pirata comparivano anche alcuni indirizzi che avrebbero potuto essere scambiati per indirizzi del Senato.

A rilevare e sventare l’attacco è Microsoft, che è riuscita a identificare gli autori dell’offensiva, che si ritiene siano legati al gruppo di criminali informatici russi come “Apt28”, Strontium e Fancy Bear, gli stessi che si erano già resi protagonisti del Russiagate, e che sono già stati accusati di aver prestato la loro opera per il governo russo. I cittadini presi di mira, nello specifico, secondo quanto risulta dalle prime informazioni diffuse, sarebbero quelli che fanno parte degli ambienti repubblicani più critici nei confronti nel presidente Usa Donald Trump e del presidente russo Vladimir Putin.

Netta la smentita del Cremlino: “Non sappiamo di che hacker stiano parlando e quale sia la loro influenza sulle elezioni – afferma Dmitri Peskov, portavoce di Putin – Non capiamo di chi stiano parlando, quali prove abbiano e su cosa si basino le loro conclusioni. Non ci sono informazioni di questo genere”.

Dura la presa di posizione di Microsoft, che si è espressa per bocca del presidente Brad Smith: “E’ chiaro che le democrazie di tutto il mondo sono sotto attacco – afferma in un post sul blog aziendale – Entità straniere stanno lanciando attacchi informatici per interrompere le elezioni e seminare discordia. Internet è diventato un modo per alcuni governi di rubare e divulgare informazioni, diffondere disinformazione, sondare e tentare di manomettere i sistemi di voto”. 

Smith ricostruisce nel proprio intervento quanto successo alle presidneziali Usa del 2016 e in seguito per quelle francesi che si sono svolte a maggio, sottolineando che le stesse dinamiche si stanno ripetendo ora, “in un modo sempre più ampio, mentre gli americani si stanno preparando per le elezioni di metà mandato a novembre. L’ampliamento delle minacce informatiche a entrambi i partiti politici degli Stati Uniti rende chiaro che il settore tecnologico dovrà fare di più per contribuire a proteggere il processo democratico”. 

Poi Smith entra più nel dettaglio di cosa successo con l’ultima ondata di phishing, bloccata dall’unità crimini digitali della casa di Redmond, che ha individuato e segnalato, facendoli così bloccare, sei domini riconducibili a “un gruppo largamente associato al governo russo”: Gli hacker, spiega, “vogliono che i loro attacchi appaiano il più realistici possibile, quindi creano siti web e Url che somigliano a quelli da cui le vittime prese di mira si aspetterebbero di ricevere mail o comunicazioni”. 

Le prime eco dell’allarme arrivano intanto anche in Italia, con il il deputato del Partito democratico Michele Anzaldi che chiama in causa il Copasir: “Davanti all’allarme lanciato da Microsoft sulla minaccia alle democrazie occidentali rappresentata dalle attività di hackeraggio russe – afferma – rende indispensabile un intervento del Copasir: bisogna valutare le rivelazioni americane e capire quale siano i riflessi sulla rete italiana. Ai sospetti rispetto al referendum del 2016 e al voto del 4 marzo, si aggiungono la tempesta digitale contro Mattarella, su cui indaga anche la Procura di Roma. Gli episodi sono ormai troppi per non essere affrontati in modo approfondito con tutti gli stumenti a disposizione del Parlamento”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5