Sicurezza e gestione del rischio: il coronavirus frena gli investimenti - CorCom

LO STUDIO

Sicurezza e gestione del rischio: il coronavirus frena gli investimenti

La spesa globale in tecnologie e servizi per information security e risk management crescerà quest’anno del 2,4%. A dicembre Gartner prevedeva +8,7%. In controtendenza gli investimenti su cloud e dati. Crolla la spesa sulle reti

19 Giu 2020

Patrizia Licata

giornalista

La spesa globale in tecnologie e servizi per la sicurezza delle informazioni e la gestione del rischio continuerà a crescere nel 2020 ma a ritmi rallentati rispetto alle precedenti previsioni. È quanto si legge nel nuovo studio di Gartner.

La crescita attesa per gli investimenti in information security è adesso fissata a +2,4% per un valore complessivo di 123,8 miliardi di dollari nel 2020. La precedente previsione, fornita da Gartner a dicembre 2019, era per un incremento dell’8,7%, ma la pandemia di coronavirus sta alimentando la domanda di breve periodo in altre aree, come adozione del cloud e tecnologie per lo smart working, e costringe a misure per ridurre i costi.

L’impatto del coronavirus

“Come altri settori dell’It, ci aspettiamo che la sicurezza sarà impattata negativamente dalla crisi Covid-19“, ha affermato Lawrence Pingree, managing vice president di Gartner. “In generale ci aspettiamo una pausa e una riduzione della crescita sia per il software che per i servizi per la security per tutto il 2020″.

Tuttavia Pingree aggiunge che ci sono fattori che favoriscono alcuni segmenti del mercato della sicurezza, come le offerte e gli abbonamenti basati su cloud, che sono sostenuti dall’attuale domanda di nuovi modelli di delivery. “Parte della spesa in sicurezza non sarà eludibile; ci sono alcuni trend positivi”.

Si punta sulla sicurezza del cloud

WEBINAR
Hai un Mainframe aziendale? Ecco come dotarsi delle giuste competenze
Big Data
Cloud

Brilla dunque il segmento della cloud security, con una crescita prevista del 33,3% nel 2020; seguono, pur se a distanza, la data security (+7,2%) e la application security (+6,2%). Si investirà anche in gestione degli accessi e delle identità (+5,8%) e in protezione delle infrastrutture (+5,8%), mentre la spesa in risk management si fermerà a un +3,8%. Col segno meno la spesa per la sicurezza della rete (-12,6%), un dato che trascina in basso l’intera media dell’anno.

Lo spostamento in atto verso un modello di delivery basato su cloud rende il mercato della sicurezza in qualche modo più resistente alla crisi, sottolinea Gartner. I modelli di erogazione tramite cloud hanno superato il 50% di tutte le implementazioni su mercati come la posta elettronica sicura e i gateway web.

Al contrario l’impatto sarà severo sulle attrezzature per la sicurezza delle reti, inclusi i firewall e i sistemi di rilevamento e prevenzione delle intrusioni (Idps). Lieve flessione (-0,3%) anche per la spesa consumer sui software per la sicurezza.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

G
gartner

Approfondimenti

C
Cloud
C
coronavirus
C
covid-19
D
dati
S
sicurezza

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link