Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'OPERAZIONE

Thales scala Gemalto: via all’opa per creare il campione della cybersecurity

L’offerta pubblica di acquisto amichevole si concluderà il 6 giugno. Sul piatto 4,8 miliardi di euro. Si punta ad aumentare la spesa in ricerca e sviluppo

28 Mar 2018

F. Me

Thales scala Gemalto. Il gruppo tecnologico franecese lancia la sua offerta pubblica di acquisto su Gemalto, numero uno al mondo per le carte sim. Si tratta di una fusione che formerà un gigante globale della sicurezza informatica, secondo una dichiarazione di entrambi i gruppi. L’opa inizia oggi e si conclude il 6 giugno.

L’operazione valuta Gemalto circa 4,8 miliardi di euro al prezzo di 51 euro per azione. “La pubblicazione del documento di offerta è il primo passo importante nel nostro progetto di acquisizione di Gemalto, con l’obiettivo di creare un campione globale”, ha dichiarato il ceo di Thales Patrice Caine.

“Dopo aver studiato attentamente, in consultazione con i consulenti finanziari e legali, tutte le possibili opzioni, il consiglio di amministrazione di Gemalto raccomanda all’unanimità che gli azionisti della società aderiscano all’offerta”, ha detto Alex Mandl, presidente del consiglio di amministrazione di Gemalto riguardo all’opa amichevole di Thales.

Oltre agli aspetti finanziari, le due società hanno concordato di aumentare le spese di ricerca e sviluppo, rispettare i “diritti esistenti dei dipendenti di Gemalto”, e di mantenere il marchio Gemalto. Thales ha 65mila dipendenti in 56 paesi e ha realizzato un fatturato di 15,8 miliardi di euro nel 2017.

Gemalto ha generato entrate per 3 miliardi di euro l’anno scorso e dà lavoro a 15.000 persone. A dicembre scorso Gemalto ha respinto l’opa di Atos. Secondo il board i 4,3 miliardi messi sul piatto dal gruppo francese sottovalutavano il leader globale nella produzione di smartcard.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

G
Gemalto
T
thales

Articolo 1 di 5