Vaccini Covid19, nel mirino degli hacker la catena del freddo

CYBERCRIME

Vaccino Covid19, nel mirino degli hacker la catena del freddo

L’allarme lanciato da Ibm: avviate campagne di phishing per raccogliere informazioni sugli aspetti logistici legati alla conservazione e alla consegna. Coinvolta Haier Biomedical ma anche aziende del fotovoltaico e alcune agenzie

03 Dic 2020

Enzo Lima

Attaccare la catena del freddo necessaria a garantire la conservazione dei vaccini anti-Covid19 durante la fase di consegna: gli hacker si starebbero preparando ad azioni di cybercrime. A lanciare l’allarme è Ibm: già coinvolta l’azienda Haier Biomedical protagonista di una campagna di phishing via e-mail mirata a raccogliere informazioni sugli aspetti logistici della conservazione e consegna dei vaccini.

L’attività di spionaggio sarebbe stata perpetrata a danno di una serie di dirigenti dell’azienda e per rendere credibili le mail vengono citate tutte le caratteristiche dei prodotti messi a punto dall’azienda. Tra gli obiettivi anche aziende specializzate nei pannelli solari, che saranno usati per alimentare i frigoriferi nei paesi caldi, produttori di ghiaccio secco ma anche alcune agenzie, come il direttorato Ue che si occupa di dogane. “Chiunque abbia messo insieme questa campagna – afferma Ibm – conosce molto bene qualunque prodotto sia coinvolto nella catena di distribuzione di un vaccino in una pandemia globale”.

WHITEPAPER
Quali sono stati i casi di cybercrime più aggressivi degli ultimi anni? Scoprilo nel white paper
Cybersecurity

La Cybersecurity and Infrastructure Security Agency degli Stati Uniti ha ripubblicato il rapporto, avvertendo i membri dell’operazione Warp Speed, la missione vaccinale nazionale del governo degli Stati Uniti, di stare all’erta. Capire come costruire una catena del freddo sicura è fondamentale per distribuire vaccini sviluppati da aziende del calibro di Pfizer e BioNTech perché i flaconi di vaccino devono essere conservati a meno 70 gradi per evitare che si deteriorino. Gli hacker hanno compiuto “uno sforzo eccezionale”, ha affermato l’analista Ibm Claire Zaboeva, che ha contribuito alla stesura del rapporto.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5