Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CASO

WordPress sotto attacco: 50mila siti infettati per creare criptomoneta

La scoperta del Bad Packets Report: i miner attaccano pc e smartphone per “succhiare” parte della potenza di calcolo e usarla per realizzare bitcoin, soprattutto nella variante Monero

07 Mar 2018

F. Me

Circa 50mili siti di WordPress sono infettati da malware che usano i device degli utenti per minare criptovalute. Lo ha rilevato il Bad Packets Report, secondo cui l’obiettivo degli hacker non è rubare dati sensibili o password ma “rapire” parte della potezna di calcolo dei dispositivi ed utilizzarla per creare bitcoin, soprattutto nella variante Monero.

Monero è una criptovaluta creata nell’aprile 2014 che si focalizza sulla privacy, la decentralizzazione, la scalabilità e sulla fungibilità. Il suo primo nome è stato BitMonero per poi divenire semplicemente Monero che in esperanto significa moneta.

In gergo l’attacco si chiama “cryptojacking”, un procedimento che, data il bomm di domanda di criptomoneta, si sta diffondendo in modo molto rapidamente. Offensive sono state rilevate anche su siti governativi (soprattutto britannici e statunitensi) e non solo su pc: anche gli smartphone entrano nel mirino dei miners.

A febbraio la società di sicurezza informatica Malwarebytes ha rintracciato una campagna che coinvolgerebbe circa 800.000 dispositivi mobili al giorno.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Bitcoin
C
cybersecurity

Articolo 1 di 5