Zoom corre ai ripari e assume l’ex capo della sicurezza di Facebook - CorCom

IL CASO

Zoom corre ai ripari e assume l’ex capo della sicurezza di Facebook

Alex Stamos avrà la carica di consulente per i problemi di privacy. Il Ceo Eric Yuan: “Prendiamo molto suo serio la riservatezza dei dati, e abbiamo molto lavoro da fare”

10 Apr 2020

Zoom prova a correre ai ripari su privacy e sicurezza: dopo il boom dell’app per videochiamate e videoconferenze, utilizzata tra l’altro anche dalle classi per le lezioni online, l’applicazione è infatti finita al centro delle polemiche per una serie di problemi di privacy e per aver trasmesso in Cina i dati raccolti. L’ultimo caso si è verificato nelle scorse ora a Singapore, dove l’applicazione è stata vietata a seguito di un attacco informatico attraverso il quale gli hacker sono riusciti a infiltrare filmati porno all’interno delle videochiamate. In precedenza l’applicazione era stata vietata anche da Google e da Space X ai propri dipendenti, mentre anche Germania e Taiwan avevano deciso di limitarne l’uso.

La mossa di Zoom è stata quella di dotarsi si un consulente di primo piano per riabilitare la propria immagine e risolvere i problemi di cybersecurity: la scelta è ricaduta su Alex Stamos, ex capo della sicurezza di Facebook e oggi docente presso la Stanford University. “In un tempo di crisi globale, Zoom è diventato n collegamento importante tra lavoratori, famiglie, amici e, più importante, tra insegnati e studenti – afferma Stamos in un post sulla piattaforma Medium – Zoom ha del lavoro importante da svolgere sulla sicurezza dell’applicazione, dell’infrastruttura e la progettazione crittografica”.

WHITEPAPER
Privacy dei dati: i vantaggi della tecnologia eDiscover
Privacy
Sicurezza dei dati

Contemporaneamente sono arrivate anche le scuse del ceo di Zoom, Eric Yuan, che ha scelto per l’occasione di pubblicare un video su YouTube: “Abbiamo chiaramente molto lavoro da fare per garantire la sicurezza – afferma il manager – Posso promettere che prendiamo queste questioni molto, molto sul serio. Stiamo esaminando ognuna di esse. Se troveremo un problema, lo risolveremo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA