Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

10 nuovi consiglieri nel team di Assinform

Rinnovato il Consiglio direttivo per il biennio 2011-2013. In campo rappresentanti di Almaviva, Business-e, Exprivia, Microsoft, Nextiraone Italia, Postecom, Selex Elsag, Sesa, Sirti e Zucchetti. Il presidente Angelucci: “Lavoreremo alla digitalizzazione del Paese”

12 Ott 2011

La Giunta di Assinform ha rinnovato il Consiglio Direttivo per il
biennio 2011-2013, con la nomina di 10 nuovi consiglieri che
partecipano in rappresentanza di Almaviva, Business-e, Exprivia,
Microsoft, Nextiraone Italia, Postecom, Selex Elsag, Sesa, Sirti e
Zucchetti. Il nuovo Consiglio vede alla presidenza Paolo Angelucci
(Cbt-Cosmic Blue Team) e nel ruolo di vicepresidenti Costanza
Amodeo (Engineering) e Marco Tripi (Almaviva).

I nuovi consiglieri sono Alessandro Barberis (Infocamere); Gianni
Camisa (Dedagroup); Enrico Castanini (Datasiel); Paolo Castellacci
(Sesa); Pier Luigi Dal Pino (Microsoft); Andrea Farina
(Business-e); Domenico Favuzzi (Exprivia); Stefano Gigli (Telecom
Italia); Antonio Grioli (Zucchetti Group); Roberto Liscia
(Consorzio Netcomm); Stefano Lorenzi (Sirti); Roberto Lorini (Value
Team); Franco Mazza (Aive Group); Giorgio Mosca (Selex Elsag);
Roberto Pesce (Nextiraone Italia); Vincenzo Pompa (Postecom);
Giovanni Radis (Unione Industriale di Torino-Grupp Ict); Tatiana
Rizzante (Reply); Elisabetta Romano (Pride); Mario Rosso
(Almaviva).

“L’Information Technology italiana può offrire al Paese un
contributo strategico in termini di apertura di nuove opportunità
di crescita dell’economia, dell’occupazione, della
competitività e produttività, ma deve essere messa al centro
delle politiche di sviluppo del governo – spiega il presidente di
Assinform, Paolo Angelucci, commentando le nuove nomine –
L’associazione rafforza il suo impegno nel valorizzare le
potenzialità del settore, rimuovere criticità che ne ostacolano
lo sviluppo, lavorare per l’affermazione di una concreta politica
di digitalizzazione e infrastrutturazione avanzata del Paese”.