Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA TECNOLOGIA

Il “5G Champion” debutta ai Giochi Olimpici di Pyeongchang

Il progetto è parte del programma Horizon 2020 della Ue. In campo Thales Alenia Space, Cea/Leti e Nokia.

20 Feb 2018

Il 5G la fa da padrone ai Giochi Olimpici Invernali di Pyeongchang. In quell’occasione è stato presentata il progetto “5G Champion”, parte del programma Horizon 2020 finanziato dalla Commissione Europea che coinvolge Thales Alenia Space e  partner come  Cea / Leti e Nokia.

Parte della dimostrazione consisteva nell’attrezzare gli autobus, a disposizione degli spettatori per raggiungere i diversi siti, con tecnologia 5G e schermi con riproduzione video 3D di altissima qualità. I passeggeri hanno usufruito connettività ad altissima velocità, grazie agli autobus che fungevano da relè tra la rete 5G e il segnale WiFi ritrasmesso all’interno degli stessi autobus.

Thales Alenia Space sta lavorando a parecchie iniziative progettate per l’integrazione perfetta delle comunicazioni satellitari con l’infrastruttura di rete 5G. L’obiettivo è ovviamente quello di fornire ininterrottamente, in qualsiasi momento e ovunque, l’accesso ai servizi 5G. Thales Alenia Space offre, inoltre, tutte le tecnologie necessarie a  garantire la controllabilità, o assicurare una precisione di posizionamento entro un decimo di metro per i servizi di geolocalizzazione offerti dal 5G.

Thales Alenia Space sta già sviluppando il sistema di navigazione satellitare Kass per l’Agenzia Spaziale Sudcoreana Kari, per conto del Ministero Coreano per lo Sviluppo Regionale, delle Infrastrutture e dei Trasporti. KASS consentirà al paese di migliorare le prestazioni di posizionamento offerte dal GPS, con aggiornamenti previsti per garantirne la compatibilità con i sistemi di posizionamento satellitare Galileo e Glonass. Il sistema sudcoreano Kass ha come obiettivo iniziale le applicazioni aeronautiche, compresi i servizi “Safety of Life”, ma potrebbe anche svolgere un ruolo importante nello sviluppo dei servizi di geolocalizzazione 5G in Corea del Sud.

Il segmento spaziale aggiunge valore allo sviluppo del 5G estendendo la copertura e la capacità di trasmissione della rete. Ciò consentirà alle reti 5G di rispondere in modo efficiente e affidabile alle esigenze degli utenti emergenti nei settori dei trasporti (aeronautico, ferroviario e marittimo), della logistica, dei media, del tempo libero, della sicurezza, dell’istruzione, della sanità e dell’agricoltura.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5