Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

CYBERSECURITY

5G, Golden power “oltre” le reti

Un emendamento al decreto perimetro cibernetico punta ad allargare il raggio d’azione dell’esercizio dei poteri speciali. Nel mirino anche le forniture ad alta intensità tecnologica. Il governo potrà decidere se esercitare il veto o chiedere l’adempimento di specifiche prescrizioni

16 Ott 2019

F. Me

Il Governo potrà applicare i poteri speciali della golden power non solo sulle reti 5G ma anche sulle forniture ad alta intensità tecnologica funzionali alla loro realizzazione. Lo prevede un emendamento al dl Cybersecurity allo studio del Governo, al momento non ancora depositato nelle commissioni Affari costituzionali e Trasporti della Camera. L’emendamento, molto articolato, interviene sul decreto 21 del 2012 prevedendo un obbligo di notifica alla presidenza del Consiglio entro 10 giorni dalla conclusione di un contratto o di un accordo di fornitura.

Sulla base della informativa il Governo potrà decidere se esercitare il potere di veto o chiedere l’adempimento di specifiche prescrizioni, che dovranno essere comunicate entro 45 giorni, salvo proroga di altri 45 giorni in caso sia necessario svolgere approfondimenti (la proroga può essere concessa una seconda volta solo in caso di particolari complessità). La bozza di emendamento prevede la possibilità anche di richiedere informazioni a soggetti terzi. Decorsi i termini senza nessuna decisione da parte della presidenza del Consiglio i poteri speciali si intendono non esercitati.

Tra le decisioni che il Governo può prendere anche quella di chiedere all’impresa il ripristino delle condizioni antecedenti. In caso di mancata notifica gli operatori rischiano – secondo questa ipotesi di lavoro – una sanzione dal 25% al 150% del valore dell’operazione.

L’ipotesi di emendamento prevede inoltre un allungamento dei tempi – da 15 a 45 giorni – entro i quali la presidenza del Consiglio può esercitare i poteri speciali, con eventuali sospensione nel caso in cui sia necessario chiedere un parere a soggetti terzi, sulla scorta della parte che agisce sulle forniture 5G. L’emendamento inoltre aggiunge una ulteriore soglia di acquisizione di azioni di società che svolgono attività di rilevanza strategica per il sistema di difesa e sicurezza nazionale dopo la quale scatta la notifica (50% delle azioni; oggi dopo il 3% le soglie di acquisizione dopo le quali le società devono continuare a notificare sono: 5%, 10%, 15%, 20%, 25%).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5