Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

A Giuliano Berretta il Clarke Award alla carriera

28 Apr 2010

La Arthur C. Clarke Foundation ha premiato Giuliano Berretta,
Presidente del Consiglio di Amministrazione di Eutelsat
Communications, vincitore del “Lifetime Achievement Award Arthur
C. Clarke” 2010. Tale “Premio alla Carriera” è un
prestigioso riconoscimento che viene conferito ogni anno a chi ha
saputo valorizzare quelle idee e quelle applicazioni che hanno reso
lo scrittore e scienziato Arthur Clarke precursore dell’era delle
comunicazioni via satellite.

Il Premio è stato conferito alla presenza dell’Ambasciatore
Italiano a Washington, Giulio Terzi di Sant’Agata, nella sede di
Intelsat a Washington D.C. davanti ad un pubblico selezionato di
esperti e addetti ai lavori provenienti da tutto il mondo. Durante
la cerimonia S. Pete Worden ha ricevuto il Foundation’s Innovator
Award (Premio all’Innovazione) per la sua pluridecennale
direzione nell’esplorazione spaziale.

“Non c’è alcun dubbio che Sir Arthur si sarebbe congratulato
con noi per aver scelto Giuliano Berretta come vincitore del Premio
alla Carriera Arthur C. Clarke”, ha affermato il presidente della
Fondazione Tedson J. Meyers. “Ricordate, il rivoluzionario
articolo di Sir Arthur, pubblicato nel 1945, si intitolava
Extra-Terrestrial Relays, per scelta del direttore. Il titolo
originale era invece The Future of World Communications (Il Futuro
delle Comunicazioni Mondiali). In pochi fino ad oggi hanno
eguagliato Giuliano Berretta nella realizzazione di quel Futuro,
che ha permesso a vaste aree del pianeta l’accesso ai mezzi di
comunicazione. Crediamo che Berretta sia per tutti un modello da
seguire ed il suo premio un’ottima scelta”.

Giuliano Berretta è stato scelto dalla Fondazione per l’impegno
di una vita a favore delle comunicazioni commerciali via satellite.
La Fondazione ha tenuto in considerazione che, nel corso della sua
straordinaria carriera prima all’Agenzia Spaziale Europea e poi
in Eutelsat, ha agito costantemente spinto da tre fattori chiave:
la ricerca dell’innovazione tecnica, lo sviluppo di applicazioni
economicamente realizzabili e di valore tangibile per il
consumatore ed infine la necessità di mantenere un atteggiamento
responsabile verso le risorse spaziali. La sua determinazione,
l’ambizione e l’orgoglio di chi è precursore e la piena
consapevolezza delle risorse nella Fascia di Clarke hanno svolto un
ruolo fondamentale nella costruzione di un settore satellitare
commerciale, che ha trasformato il mercato della trasmissione
televisiva, il funzionamento della rete dati globale, l’accesso
ad Internet e l’efficienza nelle operazioni critiche di soccorso.
La riconoscenza di Eutelsat e di Giuliano Berretta verso lo
scrittore e scienziato è stata ribadita nel 2000, con la dedica
del satellite Sesat1 a Clarke e alla sua straordinaria intuizione
dell’orbita geostazionaria tracciata nel 1945 nel suo articolo di
riferimento su “Wireless World”.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link