Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Accordo di distribuzione per Linksys by Cisco

21 Giu 2010

Cdc, distributore di prodotti informatici e detentore della rete
italiana di Cash & Carry dedicati a rivenditori e operatori
professionali di IT, annuncia un nuovo importante accordo con
Cisco, il leader mondiale del networking, per la distribuzione
della linea Linksys by Cisco.

L’accordo permette a Cdc di estendere la sua offerta di prodotti
di rete destinati al mondo Soho con una linea completa di router,
adattatori, access point, e altri dispositivi di fascia alta e
medio/alta destinati a questo segmento.

In particolare, Cdc ha integrato nel suo portfolio 15 nuove
referenze all’avanguardia, da oggi disponibili presso i
trentanove Cash & Carry Cdc, nei negozi delle catene Computer
Discount e Amico, o acquistabili online sul sito B2B di Cdc
(www.cdcpoint.it). L’assistenza sui prodotti Linksys by Cisco
sarà fornita direttamente da Cdc: in questo modo, in caso di
guasto, i rivenditori potranno risolvere il problema facendosi
sostituire il prodotto presso uno dei Cash & Carry Cdc o spedendolo
direttamente alla sede di Cdc.

“Con questo accordo Cdc rafforza la sua offerta nel mercato delle
soluzioni di rete ad alto valore” ha dichiarato Stefano Cei,
Category Manager di Cdc. “Inoltre, l‘eccellente componente
design dei dispositivi Linksys by Cisco si sposa perfettamente con
la scelta Cdc di offrire prodotti che combinino valore estetico e
tecnologie di alta qualità”.

“L’accordo con Cdc è importante perché grazie al suo
capillare presidio territoriale potremo entrare in contatto diretto
con altre decine di migliaia di operatori – ha dichiarato Jens
Hofmeister, Director Product Management, Cisco Consumer Products -.
La sua forte presenza territoriale unita alle sue profonde
competenze in fatto di assistenza diretta siamo certi ci
consentiranno di portare i nostri standard qualitativi in nuove
aree del mercato italiano”.