Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

#FORUMA PA 2016

Aci battezza “EasyCar”, per chi guida servizi all digital

A Forum PA presentato il tool sviluppato secondo le indicazioni del Cad: certificato di proprietà e atto di vendita in formato elettronico. Via anche a AvvisAci e a MyCar per consultare la situazione fiscale. Il presidente Sticchi: “Pronti a mettere le nostre tecnologie a disposizione di tutte le PA”

25 Mag 2016

F.Me

Aci presenta in anteprima al ForumPA “EasyCar”, il mosaico di servizi digitali a vantaggio di 40 milioni di automobilisti, sviluppato secondo le indicazioni del Codice per l’Amministrazione Digitale (Cad) e di Agid. EasyCar è il nuovo sistema di servizi in continua evoluzione, ideato e realizzato interamente dall’Aci per proseguire nella digitalizzazione della Pubblica amministrazione, rendere l’Italia più competitiva e facilitare la vita dei cittadini.

EasyCar si articola in certificato di Proprietà Digitale, pietra angolare della rivoluzione digitale Aci: 7 milioni di certificati in 7 mesi (oltre 30mila al giorno) per un documento fondamentale che l’automobilista non può più smarrire, non può più essergli rubato, né si può falsificare. Inoltre in Atto di vendita Digitale: le procedure amministrative si semplificano ulteriormente, e grazie all’uso della firma elettronica, si garantisce la massima sicurezza dei documenti.

Easycar prevede inoltre “AvvisACI” con al centro l’automobilista che, una volta registrato sul sito Aci, sarà informato tramite mail o sms ogni qual volta venga trascritto al Pra un evento relativo a un proprio veicolo. Infine altri due servizi: “MyCar” per consultare la situazione fiscale e “Infotarga” che permetterà, ad esempio, prima di acquistare un’auto usata di verificare se è rubata, se è stata radiata, oppure per consultarne la valutazione, i costi di passaggio di proprietà, del bollo o chilometrici.

“Abbiamo tracciato un percorso che è partito con il Certificato di Proprietà digitale e la sua smaterializzazione – dichiara Angelo Sticchi Damiani, presidente Aci – seguendo le sollecitazioni dell’Agid e del Governo per la modernizzazione e semplificazione del Paese. Il nuovo Certificato di Proprietà Digitale è stato l’inizio di una serie di semplificazioni per gli automobilisti che oggi si arricchiscono di ulteriori opportunità e servizi. Siamo pronti a mettere a disposizione delle altre Pubbliche amministrazioni le tecnologie e gli strumenti da noi sviluppati e testati”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
aci
A
automobile