Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

SOFTWARE

Adobe, addio al software “in scatola”, avanti sul cloud

Il produttore di Photoshop annuncia l’abbandono del business “fisico” e punta tutto sui servizi Internet based in abbonamento. Il Ceo Shantanu Narayen: “In linea con i processi creativi del futuro”

07 Mag 2013

m.s.

Adobe manda in pensione la Creative Suite e scommette tutto sulla Creative Cloud, un servizio in abbonamento annuale. L’attuale Creative Suite 6 sarà l’ultima “box” in commercio. L’azienda continuerà a commercializzarla Suite, ma non ci saranno aggiornamenti al di là di eventuali correzioni di bug e modifiche per garantire la compatibilità con nuovi sistemi operativi. Il Ceo Shantanu Narayen: “Così ci allineiamo ai processi creativi del futuro”

Adobe ha deciso di puntare tutto sulla Creative Cloud che ha debuttato nel 2012: si tratta di una serie di formule di abbonamento che consentono di scaricare e usare solo uno o tutti i suoi programmi, strumenti di sviluppo e servizi, e offre anche spazio “nella nuvola” per archiviare e condividere i file.

Come annuncia l’azienda in un comunicato i popolari tool da desktop – Illustrator, PhotoShop, InDesign, Dreamweaver and Premiere Pro – avranno un nuovo brand in quanto parte della nuova offerta Creative Cloud Saas e recheranno l’etichetta “cc” (Illustrator diventerà “IllustratorCc”).

In questo modo Adobe dà definitivamente l’addio alle copie fisiche a favore del download via Internet e si lancia al 100% nell’era del SaaS, Software as a Service. La nuova formula ha inoltre l’obiettivo di combattere la pirateria e di massimizzare i profitti legando ancora di più a sé l’utenza.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
adobe
S
Shantanu Narayen