TRASPORTI

Software per il social distancing all’aeroporto di Genova

L’istituto italiano di tecnologia sviluppa per lo scalo ligure un sistema in grado di generare alert in caso di assembramenti o distanze troppo ridotte tra le persone. Il monitoraggio automatico avviene attraverso le telecamere di sicurezza

11 Mag 2020

A. S.

Sviluppare un software che consenta di monitorare automaticamente le distanza tra le persone all’interno dell’aeroporto, e segnalare a chi di dovere situazioni anomale o assmebramenti. E’ il progetto “Social distancing”, promosso dallo scalo di Genova e dall’Istituto italiano di tecnologia in vista della fase 2 e di un ripristino a regime dei collegamenti aerei di linea.  

Il progetto prevede che il monitoraggio possa avvenire in automatico attraverso le telecamere di sorveglianza all’interno dello scalo, grazie alla generazione di una mappa virtuale dell’ambiente. Grazie all’intelligenza artificiale attorno a ogni persona verrà “disegnato” un raggio di distanziamento sociale che consentirà di generare un alert nel momento in cui i viaggiatori o il personale si avvicinò troppo tra loro. Allo stesso modo verranno trasmessi degli allarmi a chi di competenza nel caso si verifichino assembramenti.

WHITEPAPER
Vita da CEO: quali sono gli strumenti necessari ai manager per vincere le sfide professionali
CIO
Digital Transformation

A ideare il software il gruppo di ricerca di Pavia di IIT, coordinato da Alessio Del Bue, che ora dovrà ottimizzarlo prima di metterlo a disposizione del cliente. 

A garantire il rispetto della privacy dei viaggiatori e del personale dell’aeroporto sarà un algoritmo di intelligenza artificiale: tutte le immagini infatti verranno “anonimizzate” e trasformate in sagome bidimensionali, rendendo irriconoscibili le persone che compaiono nelle riprese.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

A
Alessio Del Bue

Aziende

I
IIT

Approfondimenti

I
intelligenza artificiale
P
privacy

Articolo 1 di 3