Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TURISMO 2.0

Airbnb da record: ora vale 25 mld di dollari, il doppio di Expedia

L’azienda ha appena finalizzato il nuovo finanziamento da 1,5 miliardi. Secondo gli analisti il servizio di house sharing ha convinto gli investitori grazie al suo outlook ad alta redditività: revenue pari a 10 miliardi entro il 2020, con un utile di 3mila milioni dollari

30 Giu 2015

F.Me.

Airbnb ha raggiunto il valore record di 25,5 miliardi dollari dopo aver concluso un nuovo round di finanziamento di 1,5 miliardi dollari round di finanziamento. A riportare la notizia è il Wall Street Journal. Si tratta di una cifra elevatissima: più del valore della nota catena alberghiera Marriott (21 miliardi dollari) e il doppio della valutazione di portale di viaggi Expedia. A puntare sul colosso attori del calibro di General Atlantic, Hillhouse Capital Group e Tiger Global Management.

Airbnb, secondo gli esperti, sta ottenendo un round così alto per le sue proiezioni ad alta redditività: l’azienda prevede di avere revenue pari a 10 miliardi entro il 2020, con un utile di 3.000 milioni dollari al lordo di interessi, imposte e ammortamenti. Nel solo 2015 Airbnb prevede 850 milioni dollari di fatturato e una perdita operativa di circa 150 milioni dollari poichè mira a espandere i propri servizi in nuove parti del mondo e si prepara a “combattere” le autorità di regolamentazione su tasse e leggi di alloggio. La società ha visto il recente successo con la sua espansione internazionale a Cuba, dove ora ci sono più di 2.000 inserzioni sul sito in un paese con accesso a internet molto basso.

Le sfide più grosse per la società sono, come accennato, quelle normative. Molte città nel mondo non consentono ai proprietari di affittare le loro stanze con la frequenza di alberghi. A San Francisco, per esempio, alcuni affittuari si sono trovati sottoposti a sfratto poichè affittavano camere su Airbnb ma il caso ha aperto alla realizzazione di una efficace normazione che oggi autorizza e regola l‘house sharing. In Europa Airbnb ha siglato un accordo con la città di Amsterdam per la gestione del pagamento delle tasse di soggiorno.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Airbnb
E
expedia
W
Wall Street Journal

Articolo 1 di 3