Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

COMMISSIONE UE

Airbnb nel mirino dell’Europa, scatta l’aut aut: “Prezzi opachi, corregga entro agosto”. O via alle sanzioni

La piattaforma online accusata di scarsa trasparenza nelle tariffe e mancato allineamento alle norme Ue sulla tutela dei consumatori. La Commissaria per la Giustizia Věra Jourová: “La popolarità non può essere una scusa per non stare alle regole”

16 Lug 2018

L’Europa va all’attacco di Airbnb: pratiche commerciali sleali, clausole contrattuali abusive, consumatori non tutelati sono le accuse con cui la Commissione Ue mette la piattaforma di affitti temporanei nel mirino obbligandola a trovare correttivi entro agosto. In caso contrario la Commissione Ue si rivolgerà alle autorità degli Stati membri, le uniche che possono lanciare procedure sanzionatorie. Tra le contestazioni di Bruxelles, la presentazione dei prezzi che non è completa perché non mostra il prezzo totale ma esclude spese come pulizia o servizio.

“I consumatori devono capire facilmente quanto e per che cosa devono pagare quando acquistano servizi e nei loro confronti vanno applicate regole eque, ad esempio sull’annullamento dell’alloggio da parte del proprietario – dice Věra Jourová, Commissaria per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere -. Mi aspetto che Airbnb possa presentare rapidamente soluzioni adeguate”.

Bruxelles spiega che l’attuale presentazione dei prezzi di Airbnb e una serie di disposizioni che applica “non sono conformi alla direttiva sulle pratiche commerciali sleali, alla direttiva sulle clausole contrattuali abusive, e al regolamento sulla competenza giurisdizionale in materia civile e commerciale”. L’autorità europea dei consumatori e la Commissione hanno quindi chiesto ad Airbnb una serie di modifiche.

Le soluzioni che Airbnb proporrà per rimediare a questa situazione saranno esaminate dalla Commissione e dalle autorità per la tutela dei consumatori. Se non saranno ritenute soddisfacenti, nei confronti di Airbnb potrebbe essere avviata un’azione coercitiva. Tra le richieste della Ue c’è quella di indicare chiaramente se l’offerta è fatta da un privato o un professionista, poiché cambiano le norme relative alla protezione dei consumatori. Inoltre, non può modificare unilateralmente le clausole e le condizioni del contratto senza informare chiaramente i consumatori in anticipo e senza dar loro la possibilità di rescinderlo. Infine, “la politica di Airbnb in materia di restituzioni e rimborsi, e la raccolta delle richieste di risarcimento devono essere chiaramente definite e non devono privare i consumatori dei loro diritti di avvalersi dei mezzi di ricorso disponibili”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Airbnb
E
europa

Articolo 1 di 5