Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

ULTRABROADBAND

Alcatel-Lucent, soluzione G.Fast: si estende il mercato delle reti veloci

Dodici trial con clienti internazionali, tra cui A1 Telekom Austria e BT, mostrano la capacità della tecnlogia di portare servizi a banda ultralarga sul doppino di rame fino a 1 Gigabit/s. L’annuncio al Broadband World Forum ad Amsterdam

22 Ott 2014

m.s.

Alcatel-Lucent ha introdotto una nuova soluzione G.fast per le reti a banda ultra-larga, che sarà disponibile nel primo trimestre 2015, estendendo il proprio già ampio portafoglio di tecnologie per le reti d’accesso ad altissima velocità fisse e mobili. La nuova soluzione permetterà agli operatori di giungere con l’accesso in fibra più vicino alle abitazioni degli utenti finali, portando così servizi Internet ancor più veloci, rispondendo alla crescita continua della domanda che accompagna l’esplosione delle applicazioni dati e video.

Il lancio commerciale è stato preceduto da accordi per 12 trial, ovvero sperimentazioni sul campo, con diversi operatori, tra i quali A1, filiale operativa di Telecom Austria, con cui un abbonato è stato collegato per un test indipendente del servizio G.fast in campo. Questa sperimentazione giunge a un anno di distanza dai primi test di laboratorio condotti da Alcatel-Lucent e A1 per il G.fast con vectoring, in cui sono state raggiunte velocità di 1,1 Gigabit al secondo. Altri trial comprendono BT e Orange, mentre altri otto partiranno entro la fine dell’anno.

Hannes Ametsreiter, CEO di A1 e di Telekom Austria Group, ha dichiarato: “Vogliamo fornire ai nostri clienti le migliori velocità ultra-broadband a casa loro. Siamo stati i primi a sperimentare il G.fast con il vectoring insieme con Alcatel-Lucent poco più di un anno fa e siamo lieti di essere insieme ancora i primi dimostrando la prima connessione d’utente commerciale che utilizza il G.fast”.

Secondo Teresa Mastrangelo, fondatrice della società di analisi Broadbandtrends, “Gli operatori stanno procedendo sempre più verso uno scenario di tecnologie del tipo Fibra fino al punto di distribuzione, al fine di rispondere alle richieste dei clienti e agli obiettivi delle Authority. Con la sua capacità di fornire velocità allineate con quelle della fibra, senza dover affrontare gli oneri in termini idi tempo, costi, interruzioni associati ad un modello totalmente Fibre to the Home (FTTH), il G.fast avrà un ruolo significativo nelle strategie ultra-broadband degli operatori”.

Federico Guillen, President del settore Fixed Networks di Alcatel-Lucent ha dichiarato: “Molto semplicemente, il G.fast sposta l’asticella grazie alla sua possibilità di fornire prestazioni broadband sin qui tipiche della fibra. Il dibattito non è più del tipo “fibra o rame”, poiché entrambi i supporti possono fornire le prestazioni che il cliente richiede. Tutto questo vuol dire che gli operatori possono espandere la loro copertura in fibra nel modo più efficace, scegliendo tra tecnologie in fibra o in rame per l’ultimo tratto di collegamento all’utente, facendo in modo che nessun cliente sia lasciato indietro quando si tratta di portare servizi ultra-broadband”.

Il nuovo Terminale di Rete Ottico (ONT Optical Network Terminal) 7368 ISAM con porta singola G.fast accelera la disponibilità di velocità tipo-fibra senza la necessità di arrivare con la fibra fisicamente sin dentro le abitazioni, evitando in tal modo la parte più costosa e lunga di ogni installazione in fibra FTTH. Con la soluzione G.fast, invece, la fibra può essere “tirata” vicino all’abitazione per portare poi velocità fino a 1 Gbit/s entro casa passando per le esistenti linee in rame. Il terminale ONT G.fast di Alcatel-Lucent può essere installato anche in condomini, con una singola unità ONT che serve i singoli appartamenti.

I trial utenti utilizzano una soluzione G.fast multi-porta che impiega tecnologie vectoring per eliminare l’interferenza (diafonia) che si genera quando due o più linee in rame sono a stretto contatto, come all’interno di un cavo, con impatto negativo sulla velocità. La soluzione multi-porta G.fast sarà alla base dell’evoluzione del portafoglio di soluzioni micro-nodo VDSL2 di Alcatel-Lucent.

Le tecnologie in rame come il G.fast sono cruciali per consentire agli operatori di espandere la loro copertura di rete in fibra e portare servizi ultra-broadband a quanti più clienti possibile e nel minor tempo. I Bell Labs di Alcatel-Lucent hanno recentemente dato dimostrazione delle possibilità della tecnologia XG-FAST in applicazioni in ambiente reale, la quale potenzia ulteriormente le prestazioni del rame. Le prove di laboratorio hanno visto il raggiungimento di velocità simmetriche di 1 Gbit/s su una distanza di 70 metri via rame.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
alcatel-lucent
G
g.fast
R
rame

Articolo 1 di 5