Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

VERIFONE

All’ipermercato di Civate “si paga” con la firma digitale

Il centro commerciale è il primo in Italia ad utilizzare PINPad 820 di Verifone per l’acquisizione in formato elettronico della firma dei clienti che pagano con carta di credito

07 Mar 2012

E.L.

Per la prima volta in Italia alle casse tradizionali Ncr della grande distribuzione (Gdo) viene acquisita elettronicamente la firma del cliente che paga con carta di credito. Grazie PINpad 820 sviluppata da VeriFone, il nuovo ipermercato Iperal di Civate, struttura di 7.500 metri quadri destinata a servire un bacino di 100.000 abitanti, ha adottato la sua tecnologia per offrire alla clientela la cattura della firma digitale alla barriera casse.

L’ipermercato è il primo punto vendita della grande distribuzione in Italia ad avvalersi di questa tecnologia applicata alla barriera casse tradizionali. La raccolta della firma digitale è stata adottata in passato solo per le casse selfcheckout di Ncr mentre oggi, per la prima volta, viene integrata anche in quelle tradizionali.

“La soluzione offerta da Ncr è studiata per migliorare l’esperienza di acquisto e aiuta Iperal a offrire quel valore aggiunto che consentirà di consolidare e mantenere nel tempo le relazioni con la propria clientela", spiega Giovanni Bandi, ad di Ncr Italia.

L’implementazione della tecnologia di cattura della firma digitale alla barriera casse avviene grazie alla soluzione WinEpts di Ncr che, nel momento in cui un cliente si reca alla cassa per pagare con la propria carta di credito, comunica con la PINpad VeriFone VX820 installata e, attraverso un pennino, permette al cliente di firmare direttamente sul dispositivo e non più sullo scontrino cartaceo. Il terminale di ultima generazione, con interfaccia intuitiva, ampio display a colori touch screen, permette al cliente di pagare autonomamente. L’immagine della firma viene poi salvata in un database Easy Check System di Ncr. In questo modo, la firma del cliente può essere conservata e utilizzata su richiesta dagli operatori.

"Grazie alla partnership con Ncr siamo in grado di regalare al cliente della un’esperienza d’acquisto nella quale il momento del pagamento sia piacevole, autonomo e immediato”, conferma Imanuel Baharier, Direttore Generale VeriFone Italia.

Argomenti trattati

Approfondimenti

F
firma digitale
V
verifone