Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

I PROGETTI

Alla ricerca del Big Bang: Cern e Oracle rinnovano la partnership in R&S

La collaborazione si allunga di altri 3 anni. Le tecnologie cloud del colosso Usa consentiranno al centro di ricerca di immagazzinare e analizzare enormi quantità di dati utili allo studio dell’Universo e di fenomeni come la materia oscura

12 Set 2018

F. Me

Si rinnova per altri 3 anni la collaborazione tra il Cern e Oracle. L’intesa avviene nel quadro del programma di ricerca e sviluppo Cern openlab: un framework di ricerca unico, in cui gli scienziati e le più importanti aziende IT possono lavorare insieme.

Uno degli obiettivi della partnership con Oracle è sviluppare un’infrastruttura cloud ad elevate performance in grado di immagazzinare e analizzare enormi quantità di dati di controllo, come quelli generati dalle gigantesche infrastrutture di ricerca usate nei laboratori per sondare l’origine dell’universo. Oracle può anche fare uso di quanto apprende lavorando al programma per offrire ai suoi clienti tecnologie cloud estremamente potenti e a prova di futuro.

“Cern openlab è un progetto vincente per tutti coloro che ne fanno parte – spiega Eric Grancher, Leader of Database Services Group del Cern – Dà alle aziende che collaborano con noi un modo per ottenere dei preziosi feedback, testando le loro soluzioni in uno degli ambienti tecnologici più complessi e impegnativi.  Noi invece possiamo valutare il potenziale delle nuove tecnologie per future applicazioni quando sono nelle prime fasi del loro sviluppo. Inoltre, Cern openlab è un ambiente scientifico neutrale in cui le aziende possono dialogare”.

Cern openlab rappresenta un contesto unico nel suo genere per la cooperazione tra scienza e industria privata fin dal 2001. In questo programma, il Cern collabora con le più importanti aziende IT sullo sviluppo congiunto di tecnologie ad elevate performance da usare per la ricerca di base nella fisica. Oracle è partner del programma dal 2003 e nel 2018 ha avviato un nuovo ciclo di progetto triennale.  L’azienda, che è uno dei membri più grandi, è coinvolta attualmente in quattro progetti attivi. Inoltre, ogni anno quaranta studenti provenienti da tutto il mondo hanno l’opportunità di lavorare sui progetti in corso partecipando a una summer school di nove settimane.

Con sede a Ginevra, in Svizzera, il Cern è dedicato alla ricerca di base nella fisica. il Cern usa il suo Large Hadron Collider (Lhc), il più grande acceleratore di particelle al mondo, per studiare la struttura fondamentale dell’universo. Qui le particelle subatomiche sono fatte accelerare e collidere, simulando le condizioni del nostro universo a una frazione di secondo dopo il Big Bang. Gli esperimenti nel Large Hadron Collider attualmente producono circa 50 petabyte di dati ogni anno – un volume di dati che corrisponde all’incirca a quello di 2.000 anni di contenuti video in alta definizione.

Nonostante tutti gli sforzi, la nostra conoscenza della fisica oggi spiega solo la materia visibile, che rappresenta circa il 5% dell’energia totale dell’Universo.  L’acceleratore sarà per questo reso ancora più potente, per generare un maggior numero di collisioni fra particelle e moltiplicare gli sforzi per studiare fenomeni quali la materia oscura e l’energia oscura. Il Cern ha anche bisogno di avere una infrastruttura IT altrettanto potente: la cooperazione del laboratorio con Oracle gioca in questo un ruolo chiave.

“Gli obiettivi di ricerca del Cern sono estremamente affascinanti e le tecnologie sviluppate nel laboratorio hanno avuto un impatto significativo anche sulla nostra vita quotidiana – commenta David Ebert, Director-Government, Education, Healthcare Industry Solutions di Oracle Emea – Ad esempio, alcune tecnologie sviluppate lì hanno già aiutato a migliorare il trattamento di certi tipi di cancro. Per questo siamo davvero felici di rinnovare la nostra partnership con Cern openlab e speriamo di lavorare insieme per sviluppare tecnologie ancora più potenti, che faranno avanzare sia la scienza che il settore privato”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
cern
C
Cloud
O
oracle

Articolo 1 di 5