LAVORO E DIRITTI

Amazon, Biden incontra il fondatore del primo sindacato aziendale

Ricevuto alla Casa Bianca Christian Smalls ha chiesto al presidente Usa di fare pressioni sui vertici del gigante dell’e-commerce affinché avvii una procedura per la contrattazione collettiva

06 Mag 2022

Veronica Balocco

Biden

Il presidente americano Joe Biden, la vice presidente Kamala Harris e il segretario al Lavoro Martin Walsh hanno ricevuto alla Casa Bianca Christian Smalls, il fondatore del primo sindacato Amazon, e rappresentanti dei lavoratori di Starbucks e altre grandi aziende Usa.

L’incontro aveva lo scopo di discutere come i recenti successi nella creazione di un sindacato possono ispirare altri lavoratori in tutti gli Stati Uniti, ha fatto sapere la Casa Bianca. Smalls, presidente dell’Amazon Labour Union, ha chiesto a Biden di fare pressioni sulla leadership del gigante dell’e-commerce affinché riconosca il sindacato e avvii una procedura per la contrattazione collettiva. Un portavoce della Casa Bianca ha ricordato che spetta al National Labor Relations Board, un’agenzia indipendente, certificare i sindacati ma ha tuttavia sottolineato che il presidente americano da anni sostiene la necessità di un contratto di lavoro collettivo e il diritto dei lavoratori di organizzarsi.

L’appoggio di Biden

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato dopo l’incontro che la partecipazione di Biden riguardava la promozione dell’organizzazione del lavoro in tutto il paese, non in Amazon in particolare. “Il presidente è stato a lungo un sostenitore dei diritti dei lavoratori di organizzarsi, dei diritti della contrattazione collettiva e ha abbandonato questo incontro per offrire semplicemente il suo sostegno a quegli sforzi”, ha detto Psaki. “Ma non si sta impegnando non ci impegniamo o veniamo direttamente coinvolti in controversie di lavoro, ovviamente, ma sicuramente sostiene i diritti dei lavoratori”.

WHITEPAPER
Quale ruolo avrà la tecnologia all’interno dei negozi fisici?
Retail
E-Commerce

Pressing sui contratti federali di Amazon

Altri organizzatori presenti all’incontro di giovedì includevano i soggetti che lavorano per sindacalizzare Starbucks, il rivenditore Rei e lo studio di animazione Cincia. Prima dell’incontro, Smalls ha testimoniato a un’audizione della commissione Bilancio del Senato sui contratti federali di Amazon.

Il senatore Bernie Sanders, il Vermont Independent che presiede il comitato, ha fatto pressioni sulla Casa Bianca per interrompere i contratti dell’azienda con il governo fino a quando il rivenditore non interrompe quella che Sanders ha chiamato la sua “attività illegale anti-sindacale”.  La società ha rivelato di aver speso circa 4,2 milioni di dollari l’anno scorso in consulenti del lavoro, che gli organizzatori affermano che Amazon ha assunto per convincere i lavoratori a non aderire al sindacato. Gli organizzatori ritengono che l’interruzione dei contratti federali di Amazon manterrebbe la promessa della campagna del presidente di garantire che tali accordi vadano solo alle società che firmano accordi “impegnandosi a non condurre campagne anti-sindacali”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3