Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LE LETTERA

Amazon, i dipendenti scrivono a Bezos: “Fare di più contro il climate change”

Azioni più aggressive per migliorare l’ambiente e ridurre le emissioni di carbonio nella strategia del colosso dell’e-commerce: ecco cosa chiedono i 3.500 lavoratori che hanno firmato la missiva

11 Apr 2019

Una lettera in cui 3.500 dipendenti di Amazon chiedono all’azienda, cioè al loro capo, di impegnarsi di più e con più aggressività per bloccare il cambiamento climatico in corso. Tra le richieste, l’azienda deve smettere di offrire servizi di cloud computing alle aziende del settore del petrolio e del gas per estrarre più carburanti fossili.

I lavoratori stanno dunque invitando Amazon a smettere di offrire servizi a chi inquina. Hanno anche detto che Amazon non è riuscita a divulgare un piano aziendale per raggiungere zero emissioni di carbonio entro il tempo che sarebbe necessario e possibile, secondo alcuni ricercatori indipendenti: E che l’obiettivo dell’azienda di arrivare a quota 100% di energia rinnovabile non ha in realtà una vera scadenza.

La lettera rappresenta la più grande spinta da parte di dipendenti della Silicon Valley e dei big della tecnologia contro il rischio climatico nell’industria tecnologica, mentre i lavoratori tecnologici attivisti lanciano sempre più campagne pubbliche per spingere i datori di lavoro su questioni come le molestie sessuali sul posto di lavoro e le retribuzioni dei dipendenti.

«Amazon – scrivono i dipendenti – ha le risorse e le dimensioni per stimolare l’immaginazione del mondo e ridefinire ciò che è possibile e necessario per affrontare la crisi climatica. Riteniamo che questa sia un’opportunità storica per Amazon di prendere una posizione assieme con i dipendenti e lanciare un messaggio molto chiaro al mondo: “Siamo pronti a diventare leader del clima”».

La lettera ha accusato Amazon di fare donazioni consistenti ai parlamentari e ai senatori che lavorano per rallentare le normative pensate per migliorare il clima, citando le donazioni da parte dell’azienda nel 2018 a 68 membri del Congresso che hanno votato contro la legislazione sul clima.

I lavoratori hanno anche esortato Amazon a chiudere quelle soluzioni tecniche e di business personalizzate progettate specificamente per l’estrazione e l’esplorazione di petrolio e gas, e darsi da fare per attuare una “completa transizione” interna che abbandoni i combustibili fossili e riduca l’inquinamento nelle comunità più vulnerabili.
Anche i dipendenti stanno spingendo Amazon ad approvare una risoluzione degli azionisti che costringerebbe la società a svelare un piano per combattere la sua impronta di carbonio. La risoluzione è stata depositata alla fine del 2018 e dovrebbe essere votata il mese prossimo. I 3.541 dipendenti, ognuno dei quali ha allegato il proprio nome alla lettera, costituiscono meno dell’1% della forza lavoro di Amazon. È raro che i dipendenti del settore della tecnologia pubblichino i loro nomi quando criticano i loro datori di lavoro, specialmente su questa scala. Per esempio, centinaia di dipendenti di Google sono usciti lo scorso novembre per protestare contro la gestione delle cattiva condotta sessuale da parte delle aziende, ma ben pochi sono i nomi che sono stati allegati alla protesta.

“All’inizio di quest’anno – ha risposto Amazon con una nota – abbiamo annunciato che avremmo condiviso la nostra impronta di carbonio, insieme a obiettivi e programmi correlati. Abbiamo anche annunciato Shipment Zero, la nostra visione per rendere tutte le spedizioni Amazon dirette a zero emissioni, con il 50% di tutte le spedizioni a zero entro il 2030».

Lunedì, Amazon ha annunciato un’iniziativa sulle energie rinnovabili per costruire tre nuovi parchi eolici. L’ultimo progetto di energia rinnovabile della società è stato due anni fa. Secondo quanto scrivono i lavoratori nella loro lettera al vertice dell’azienda, «la nostra missione è diventare “la società più centrata sul cliente della Terra”, e riteniamo che il nostro impatto sul clima debba essere una considerazione prioritaria in tutto ciò che facciamo. Abbiamo una opportunità storica: abbiamo il potere di far cambiare indirizzo a interi settori industriali. Abbiamo il potere di ispirare l’azione globale sul clima».

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
amazon
C
climate change

Articolo 1 di 3