E-COMMERCE

Amazon, in Italia 60mila posti di lavoro dalle pmi “affiliate”

Oltre 20mila le realtà che utilizzano il portale per la vendita di prodotti. Oltre la metà fa business oltreconfine per un giro di affari di 800 milioni nel 2021, il 25% anno su anno

02 Set 2022
Infografica_Report Amazon 2022_Successo delle PMI

Sessantamila posti di lavoro creati in Italia dalle oltre 20 mila piccole e medie imprese che hanno scelto di utilizzare il negozio online di Amazon. Questo il principale dato che emerge dal Report 2022 pubblicato oggi dal gigante del e-commerce, secondo il quale, inoltre,  nel 2021 più della metà delle Pmi attive su Amazon ha esportato i propri prodotti registrando vendite all’estero per circa 800 milioni di euro, il 25% in più circa rispetto all’anno precedente.

Amazon contribuisce a internazionalizzazione

“I numeri di questa nuova edizione del Report annuale sulle piccole e medie imprese che vendono su Amazon rappresentano la cifra del nostro impegno quotidiano” – ha commentato Mariangela Marseglia, Vp e Country Manager di Amazon.it e Amazon.es. “Siamo molto orgogliosi del fatto che le oltre 20.000 pmi italiane che vendono su Amazon.it abbiano creato fino ad oggi circa 60.000 posti di lavoro, perché questo evidenzia l’impatto positivo che riescono ad avere sull’intera economia italiana, anche grazie al successo ottenuto su Amazon“, ha proseguito Marseglia.

WHITEPAPER
Nel mondo Retail 4.0 la velocità è tutto: come stare al passo?
Retail
Software

“Crediamo nell’enorme potenziale del nostro tessuto imprenditoriale, e siamo consapevoli che Amazon può contribuire attivamente alla transizione digitale delle Pmi, offrendo loro la possibilità di aprirsi a nuovi canali e di raggiungere così nuovi clienti in diversi Paesi, coerentemente con l’obiettivo del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza (Pnrr) di supportare le imprese nei processi di internazionalizzazione”, ha concluso.

Obiettivo 1,2 miliardi di export entro il 2025

Secondo il Report, nel 2021 più di 200 Pmi italiane che vendono su Amazon hanno superato 1 milione di euro di vendite per la prima volta, e circa 5.000 partner di vendita hanno superato 100 mila euro di vendite. Complessivamente, le oltre 20.000 realtà’ imprenditoriali hanno venduto oltre 200 prodotti al minuto su Amazon. Lo scorso maggio, Amazon ha annunciato l’obiettivo di aiutare i partner di vendita a raggiungere 1,2 miliardi di export all’anno entro il 2025.

I numeri a livello regionale: guida la Lombardia 

Analizzando le vendite all’estero delle Pmi nelle singole regioni, la Lombardia si attesta al primo posto con un valore di oltre 125 milioni di euro; seguono, al secondo posto, la Campania con oltre 120 milioni di euro e al terzo il Lazio con oltre 70 milioni euro. Poi il Veneto con oltre 70 milioni di euro, mentre il Piemonte chiude la top 5 con un valore di oltre 50 milioni di euro.

Tra le altre regioni con un elevato livello di export figurano Toscana (oltre € 50 milioni), Puglia (oltre € 50 milioni), Emilia-Romagna (oltre € 40 milioni) e Sicilia (oltre €25 milioni). Le Pmi che vendono su Amazon hanno sede in tutte le 20 regioni italiane, e in tre regioni ci sono oltre 2.000 partner di vendita: in Lombardia (oltre 3.250), Campania (oltre 2.750) e Lazio (oltre 2.000). La top 5 delle regioni con maggiore presenza di Pmi include anche la Puglia (oltre 1.700) e il Veneto (oltre 1.500). È significativa la presenza di Pmi anche in Emilia-Romagna con oltre 1.500, in Piemonte e Sicilia con oltre 1.250, in Toscana con circa 1.250 e in Abruzzo con oltre 500 Pmi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

M
mariangela marseglia

Aziende

A
amazon

Approfondimenti

E
ecommerce
P
pmi
T
transizione digitale

Articolo 1 di 5