Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

INTERNET

Anonymous attacca il sito del Vaticano: “Problema in via di risoluzione”

Gli “hacktivisti” hanno reso inaccessibile il portale contro “i precetti anacronistici di un’organizzazione a scopo di lucro”

07 Mar 2012

F.Me.

Anonymous colpisce il sito internet del Vaticano, reso parzialmente inaccessibile attorno alle 16 di questo pomeriggio. "Oggi – si legge nelle rivendicazione pubblicata sul blog degli "hacktivisti" – Anonymous ha deciso di porre sotto assedio il vostro sito in risposta alle dottrine, alle liturgie ed ai precetti assurdi ed anacronistici che la vostra organizzazione a scopo di lucro (chiesa apostolica romana) propaga e diffonde nel mondo intero". La nota continua con una serie di accuse relative a diverse epoche storiche, fino al passato più prossimo: "In tempi più recenti avete avuto un ruolo significativo nell’aiutare criminali di guerra nazisti a trovare rifugio in paesi esteri ed a sottrarsi alla giustizia internazionale. Permettete che quotidianamente molti degli appartenenti al clero si rendano responsabili di molestie verso bambini, coprendoli se i fatti divengono di dominio pubblico. L’italia deve tollerare quotidianamente le vostre ingerenze nella vita pubblica politica e sociale e tutti i danni che ciò comporta".

Dal Vaticano fanno però sapere che "il problema è in via di risoluzione". "In ogni caso eventualmente ci sono tanti modi di difendersi – sottolineano ancora nei sacri palazzi – anche bloccare gli accessi è uno di questi modi".

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
anonymous
I
internet
V
vaticano

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link