Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

HACKER

Anonymous mette ko il sito di Casaleggio

“Siete il cancro che vi eravate promessi di eliminare”, scrivono gli hacker riferendosi a Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio. Pubblicata anche una foto di Lulz Sec, famoso gruppo di hacktivisti Usa

28 Giu 2013

F.Me.

Anonymous attacca e mette fuori uso il sito della Casaleggio Associati. Gli “hacktivisti” hanno pubblicato un’immagine di Lulz Sec (famoso gruppo di hacker americano) e un link al comunicato nel quale si spiega che il sito del consulente di comunicazione di Beppe Grillo è stato attaccato (defacciato, in gergo) per dimostrare quanto la trasparenza dei Cinque Stelle e l’uso della rete siano solo messaggi propagandistici privi di contenuto. L’accusa a Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio di essere “il cancro che vi eravate ripromessi di eliminare”.

“Ciao Beppone, Casaleggio e carissimo SysAdmin- scrive Anonymous – a quanto pare il caveau non era blindato abbastanza e un pirata avido e sanguinario ha fatto irruzione! Saccheggi e scorribande, ecco cioè che un pirata apprezza di più. Non preoccupatevi eccessivamente però, questo particolare pirata non è alla ricerca di tesori e ricchezze…but just for some fuckin` lulz!”.

“Per rallegrare questi giorni di lavoro abbiamo deciso di fare una visita al vostro Guru Informatico & sommo esperto di comunicazione nonchè eminenza grigia e burattinaio supremo, aka Mr.Gianroberto Casaleggio – scrivono gli hacker- sareste estremamente più popolari e benvoluti se la smetteste di dedicarvi unicamente a faide interne e a decidere chi è la persona non grata della settimana. State diventando il cancro che vi eravate ripromessi di eliminare. Ma purtroppo come è noto ‘Il potere tende a corrompere e il potere assoluto corrompe assolutamente’. Siamo venuti a ricordarvi che c’è sempre qualcuno che osserva il vostro operato. Non come i pagliacci degli Hacker Del Pd,che saranno stati molto probabilmente vostri ex colleghi non proprio soddisfatti del trattamento ricevuto”.