Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CASO

Gli Stati Usa uniscono le forze per indagare sulle big tech

Dopo le indagini federali scendono in campo anche i procuratori. Obiettivo: accertare se le grandi piattaforme online utilizzino il proprio potere per penalizzare i player più piccoli. In prima fila gli uffici giudiziari di Carolina del Nord, Mississippi e Texas

20 Ago 2019

A. S.

Le preoccupazioni sugli effetti distorsivi che i giganti di Internet potrebbero avere sulla concorrenza stanno portando anche i singoli Stati americani ad aprire inchieste antitrust di Facebook & Co. Attività che vanno ad affiancarsi a quelle già in piedi e promosse dalle autorità federali, come ad esempio il dipartimento della Giustizia e la Federal Trade commission.

Per essere più efficaci e razionalizzare le attività, inoltre, i procuratori di diversi Stati Usa stanno coordinando le proprie indagini antitrust, in modo da procedere affiancati. I contatti tra di diversi Stati sarebbero però ancora in una fase iniziale, e prima che l’indagine possa effettivamente vedere la luce potrebbero passare diversi mesi, anche se l’annuncio ufficiale potrebbe arrivare già alla fine dell’estate.

Ad anticipare la notizia è il Wall Street Journal, secondo cui l’indagine congiunta vedrebbe il supporto di procuratori sia democratici sia repubblicani, a partire da quelli di Carolina del Nord, Mississippi e Texas. L’idea sarebbe nata poche settimane fa, a luglio, quando i pubblici ministeri di una dozzina di Stati hanno raggiunto Washington per incontrare i vertici del dipartimento di Giustizia per un primo scambio di opinioni sui loro timori in merito ai possibili danni alla concorrenza derivanti dal potere acquisito dai giganti del web. A quell’incontro sono seguite dichiarazioni degli uffici dei procuratori, in cui i vertici giudiziari di Carolina del Nord, Mississippi e Texas esprimevano preoccupazioni sul rischio di monopolio che potrebbe essere provocato delle big tech.

Proprio su questi stessi punti è al lavoro il dipartimento di Giustizia usa, che ha messo ne mirino le attività di Alphabet, la holding di riferimento di Google, e Facebook, anche in merito al suo annuncio di voler integrare le attività del social network, di Instagram e Whatsapp. Obiettivo del ministero, anche in questo caso, è accertare che piattaforme online, social network, motori di ricerca e siti commerciali non danneggino la concorrenza, o se fosse così chiedere loro di porre rimedio alla situazione anche con iniziative giudiziarie.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5