Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

TASSE

Per Apple “bonus” da 47 mld di dollari con la riforma Trump

La legge sulle tasse in discussione al Congresso Usa potrebbe favorire soprattutto l’azienda guidata da Tim Cook. Il beneficio, nota il Financial Times, è legato al miglior trattamento di cui godranno i profitti realizzati all’estero

06 Dic 2017

Maxi-riforma fiscale di Donald Trump, per Apple potrebbe esserci in ballo un vantaggio potenziale di 47 miliardi di dollari. Lo dice il Financial Times secondo cui se verrà approvata la riforma in discussione al Congresso Usa, l’azienda guidata da Tim Cook potrebbe essere la compagnia Usa a usufruire di più guadagni dalla nuova legge.

Il beneficio sarebbe legato al miglior trattamento che, grazie alla riforma, godranno i profitti realizzati all’estero e che ora vengono trattenuti al di fuori degli Usa.

Attualmente agli utili delle aziende Usa è applicata un’aliquota del 35%. Ma con la riforma agli utili riportati negli Usa verrà applicata un’aliquota intorno al 14,5%. Apple ha circa 250 miliardi di dollari parcheggiati all’estero, un quinto della liquidità totale che le aziende Usa tengono fuori dagli Stati Uniti proprio per motivi fiscali. In base alle regole attuali se volesse rimpatriarli dovrebbe pagare al fisco 78 miliardi di dollari, mentre con la riforma voluta da Trump la cifra da versare all’erario, secondo gli esperti interpellati dal Ft, sarebbe di 31 miliardi di dollari.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
apple
T
tasse
T
trump

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link