Apple e Amazon nel mirino dell’Antitrust: “cartello” anti-concorrenza? - CorCom

L'INDAGINE

Apple e Amazon nel mirino dell’Antitrust: “cartello” anti-concorrenza?

Avviata un’istruttoria per verificare se sia stata messa in atto un’intesa mirata a vietare la vendita dei prodotti da parte dei rivenditori non affiliati. Ispezioni nelle sedi delle due aziende

22 Lug 2020

L’Antitrust ha avviato un’istruttoria nei confronti di Apple e Amazon per accertare se le due aziende si siano accordate per vietare la vendita di prodotti a marchio Apple e Beats da parte dei rivenditori di elettronica non aderenti al programma ufficiale Apple, che acquistano comunque legittimamente i prodotti dai grossisti per poi rivenderli al dettaglio.

Secondo l’Autorità presieduta da Roberto Rustichelli “l’accordo per escludere dal marketplace alcuni soggetti appare potenzialmente idoneo a ridurre la concorrenza per l’innalzamento di barriere allo sbocco dei mercati della vendita on line a danno dei rivenditori non ufficiali, costituiti solitamente da piccole e medie imprese che effettuano appunto vendite sul web utilizzando i servizi di marketplace”.

WHITEPAPER
Costruire agilità in modo rapido per la tua azienda: 5 passi essenziali
Digital Transformation
Storage

L’accordo, inoltre,  puntualizza l’Agmc “con la diminuzione di rivenditori attivi nel canale online, potrebbe far calare gli incentivi a competere efficacemente sui prezzi dei prodotti Apple e Beats, con evidenti effetti negativi per i consumatori e per le imprese”. I funzionari dell’Autorità hanno svolto ispezioni nelle sedi delle società Amazon Italia Services S.r.l. e Apple Italia S.r.l.

“Stiamo offrendo la massima collaborazione all’Autorità”, è il commento di Amazon-

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

R
Roberto Rustichelli

Aziende

A
amazon
A
apple

Approfondimenti

A
amazon
A
apple

Articolo 1 di 3