Apple, il dietrofront di Icahn: "No ad altri piani di buy-back" - CorCom

IL RIPENSAMENTO

Apple, il dietrofront di Icahn: “No ad altri piani di buy-back”

L’azionista della Mela ci ripensa: dopo aver annunciato di essere intenzionato a proporre all’assemblea dei soci un ulteriore acquisto di azioni per 50 miliardi entro settembre, ora frena sul progetto. “Non c’è motivo di proseguire, siamo vicini all’obiettivo”

10 Feb 2014

A.S.

“Non c’è motivo di proseguire con la proposta non vincolante presentata a suo tempo, soprattutto in un momento in cui la società è già così vicina a raggiungere l’obiettivo richiesto”. A parlare è Carl Icahn (nella foto), azionista di Apple, che detiene nel suo portafoglio titoli circa 4 miliardi di dollari di azioni della casa di Cupertino. Dopo aver annunciato, in vista dell’assemblea dei soci del 28 febbraio, l’intenzione di chiedere un ulteriore buyback da 50 miliardi di dollari entro settembre, ora Icahn è tornato sui suoi passi. A influire su questa sua decisione probabilmente anche il fatto che nei giorni scorsi l’Ad Tim Cook aveva sostenuto l’idea di contrastare la delusione dei mercati dopo la pubblicazione dei conti trimestrali proprio aumentando il ritmo dei buy-back, con l’azienda che era arrivata a ricomprare 14 miliardi delle proprie azioni nelle ultime due settimane, per un totale di 40 miliardi negli ultimi 12 mesi, per un piano complessivo da 60 miliardi varato dal Cda e che sarà svelato nei dettagli in primavera.

Per spiegare il dietro front Icahn ha firmato una lettera aperta agli investitori Apple: “Le recenti decisioni prese dalla società sul riacquisto di titoli – ha spiegato in un’intervista alla Cnbc – sono state opportunistiche e aggressive e noi le sosteniamo”

Icahn ha comunque detto di essere “deluso” dal fatto che Iss, società che rappresenta gli azionisti, abbia raccomandato agli investitori di non sostenere la sua proposta originaria, e ha sottolineato il suo sostegno alla strategia dell’Ad Tim Cook, “che – ha detto – preannuncia un futuro di crescita”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
apple
C
cnbc
C
cupertino
T
tim cook