Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

LA TRIMESTRALE

Apple, record dei record per i conti. Ma rallentano le vendite di iPhone

Utili e ricavi oltre le previsioni degli analisti. Tim Cook: “E il miglior risultato della nostra storia”. Cresce il fatturato degli smartphone per l’aumento dei prezzi, ma i device venduti scendono dell’1%. Successo “wearable”: l’Apple Watch e gli auricolari AirPods “volano” a +35%

02 Feb 2018

A. S.

Quello che si è chiuso a dicembre è per Apple il trimestre dei record. La società fondata da Steve Jobs ha infatti registrato nel primo trimestre fiscale utili e ricavi che sono andati oltre le attese degli analisti, frantumando i primati precedenti. Questo nonostante le vendite dei nuovi iPhone inizino a deludere, le consegne rallentino e le previsioni per il futuro siano state ritoccate al ribasso. Una contingenza che non ha impedito a Tim Cook di usare, nella conference call con gli analisti, toni di estrema soddisfazione: “E’ il migliore trimestre della storia di Apple – ha detto – con una crescita generalizzata che ha incluso il fatturato più alto in assoluto dei nuovi iPhone”. In particolare iPhone X, lo smartphone del decennale della casa di Cupertino, arrivato sul mercato sollevando qualche polemica per il prezzo record di mille dollari per la versione base, “ha superato le nostre previsioni – ha commentato Cook – ed è stato l’iPhone più venduto in ogni settimana a partire dal suo lancio a novembre”.

Il Chief financial officer Luca Maestri ha puntato l’attenzione sul successo degli wearable, con Apple Watch e Gli auricolari wireless AirPods che arrivano a essere “la seconda maggiore fonte di ricavi dopo l’iPhone, cosa notevole visto che i wearable sono stati lanciati tre anni fa”. La categoria che comprende questi prodotti insieme a quelli della linea Beats, Apple Tv e iPod hanno segnato un fatturato a +36%, con 5,489 miliardi di dollari.  Poi Maestri ha sottolineato che i ricavi della società sono in accelerazione per il quinto trimestre di fila, mentre l’azienda conta su un flusso di cassa particolarmente robusto a 28,3 miliardi di dollari.

Passando allo specifico dei conti trimestrali, Apple ha registrato nel primo trimestre fiscali utili per 20,1 miliardi di dollari, a + 12% rispetto ai 17,89 miliardi dello stesso periodo del 2016, superando le previsioni che si fermavano a 19,7 miliardi. In salita anche i profitti per azione (calcolati al netto delle voci straordinaria) che sono passati in un anno da 3,36 a 3,89 dollari, battendo anche in questo caso le stime degli analisti che prevedevano 3,85 dollari. Quanto ai ricavi del trimestre, ammontano a 88,3 miliardi di dollari: +13% rispetto ai 78,35 miliardi dello stesso periodo del 2017, e al di là delle previsioni (87,5 miliardi)

L’unico neo dei conti della casa di Cupertino, che potrebbe far suonare un campanello d’allarme per i trimestri a venire, è il dato sulle vendite degli iPhone, che nonostante i ricavi in salita a causa dei prezzi più alti, sono in realtà scese dell’1%, deludendo le aspettative degli analisti con i 77,316 milioni di device consegnati a fronte degli 80 milioni delle stime. Così nonostante questo dato il fatturato proveniente dagli smartphone, grazie al prezzo medio salita del 15% con l’arrivo sul mercato di iPhone X, ha registrato una crescita del 13%, toccando quota 61,576 miliardi di dollari. In recupero le vendite di iPad, con ricavi a +6% in un anno a 5,862 miliardi di dollari e +1% di pezzi venduti, in tutto 13,17 milioni. Al di sotto in ogni caso delle previsioni che erano di 13,71 milioni di dispositivi. In calo del 5% le vendite di Mac, a 5,122 milioni di pezzi, per un fatturato di 6,895 miliardi di dollari. Quanto infine al settore “servizi”, quindi App Store, Apple Music, Apple Pay ed Applecare, il fatturato è cresciuto del 18% toccando gli 8,471 miliardi. Passando alle previsioni per il prossimo trimestre, già iniziato, variano tra i 60 miliardi a 62 miliardi di dollari, con un rialzo rispetto allo stesso periodo dell’esercizio ma una revisione al ribasso rispetto ai 66,54 miliardi calcolati dagli analisti

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
apple
I
iPhone
I
iPhone X
T
tim cook

Articolo 1 di 5