Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

WEARABLES

Apple regina degli smartwatch, nessun vendor così bene

Distribuiti 7 milioni di orologi dalla loro introduzione, di cui 300mila nel terzo trimestre; solo Pebble riesce ad avvicinarsi ma il primato della Mela resterà ineguagliato ancora per un po’, se Apple saprà alimentare la domanda, rivela Canalys

05 Nov 2015

Patrizia Licata

Apple ha fatto centro di nuovo. La casa della Mela ha distribuito quasi 7 milioni di smartwatch da quando ha introdotto il suo Apple Watch sul mercato, un numero che supera i volumi distribuiti combinati di tutti gli altri produttori di smartwatch negli ultimi cinque trimestri, come rivelano le stime della società di ricerche Canalys.

Anche nel campo degli orologi smart Apple è dunque riuscita a creare il prodotto di maggior successo finora messo in vendita. L’orologio super-accessoriato ed elegante di Apple ha continuato a dominare il settore degli smartwatch ancora nel terzo trimestre, distribuendo più di 300.000 pezzi: nessuna altra azienda ha saputo fare altrettanto.

L’unica che si avvicina a queste cifre è Pebble, che nel terzo trimestre ha rilasciato il Pebble Time Steel, grazie al quale ha portato a oltre 200.000 le unità totali di smartwatch distribuite, mentre i volumi distribuiti del Samsung Gear sono scesi in previsione dell’arrivo sul mercato del nuovo Gear S2.

Va notato che si tratta di volumi distribuiti, non di pezzi venduti, quindi di smartwatch portati nei negozi, non comprati dai consumatori finali. Le cifre sui device effettivamente acquistati non sono rese note da Apple; tuttavia l’analista di Canalys Daniel Matte nota che l’azienda è riuscita a superare precedenti colli di bottiglia nella supply chain e questo ha dato slancio all’Apple Watch, con la possibilità di migliorare ancora i risultati nel quarto trimestre. Anche il rilascio del sistema watchOS 2, che ha portato app native sulla piattaforma, e l’aggiunta di nuovi modelli e colori, ha favorito le prestazioni dell’orologio di Apple; tuttavia ora la Mela “deve continuare a generare domanda anche nei prossimi mesi”, aggiunge Chris Jones, VP e Principal Analyst di Canalys.

Secondo la società di ricerche, i produttori di smartwatch continueranno a contendersi una posizione di spicco sul mercato nel quarto trimestre; nuovi device entreranno nella competizione, come quelli di Fossil e Tag Heuer, ma sarà difficile eguagliare il primato della Mela.

Intanto Fitbit e Xiaomi dominano il mercato dei bracciali smart “basic” nel terzo trimestre: il Mi Band di Xiaomi ha superato i 10 milioni di pezzi totali distribuiti lo scorso trimestre, grazie anche al prezzo aggressivo e alle tante promozioni, che hanno garantito alte vendite soprattutto in Cina. Robuste anche le performance di Charge HR di Fitbit.