Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PROGETTO

Apple smentisce: “Non vogliamo fare l’Mvno”

Dopo i rumors sulle trattative in corso con alcune telco europee e l’avvio di test negli Usa, la Mela decide di “chiarire” la faccenda: “Non abbiamo piani”. Ma c’è chi sostiene che l’azienda starebbe lavorando al progetto guardando al lungo periodo

04 Ago 2015

Patrizia Licata

“Non abbiamo trattative in corso né piani per diventare un Mvno”: dopo le indiscrezioni di stampa sulle intenzioni della Mela di lanciarsi nel business delle telecomunicazioni, l’azienda smentisce l’operazione specificando che non sarebbe intenzionata a vendere servizi di Tlc direttamente ai consumatori bypassando le telco e che non ci sarebbe in corso nessuna trattativa con operatori europei.

La smentita è frutto delle notizie divulgate da Business Insider secondo cui Apple starebbe lavorando al progetto Mnvo seppure non avendo intenzione di debuttare nell’immediato futuro.

Fonti vicine ad Apple – sostiene Business Insidere – rivelano che l’azienda sta privatamente testando un servizio Mvno negli Usa e contemporaneamente sta incontrando le aziende telecom in Europa per discutere un possibile lancio di un servizio Mvno nel Vecchio Continente.

L’Mvno targato Apple funzionerebbe come gli altri operatori di rete virtuali, spiega Business Insider: la casa della Mela affitterebbe la rete da aziende telecom esistenti e venderebbe i suoi servizi ai clienti direttamente. Questi pagherebbero dunque la loro bolletta telefonica ad Apple e Apple offrirebbe le stesse funzionalità garantite da un operatore mobile (chiamate, messaggi, traffico Internet e dati) ma la Sim Apple è capace di passare da un carrier all’altro per assicurare al cliente sempre il servizio e la copertura migliori.

Fonti dell’industria telecom affermano che Apple sta lavorando sul lungo periodo col suo progetto Mvno e potrebbe aspettare anche cinque anni prima di lanciare il servizio su vasta scala.

Sono anni che Apple tratta con le aziende telecom sui suoi progetti di creare un servizio Mvno. Fra gli operatori telefonici viene considerato un “segreto di Pulcinella”: l’operatore mobile virtuale di Apple è in cantiere – tutti lo sanno – anche se non è detto che sia dietro l’angolo.

Tuttavia un passo in avanti verso l’introduzione sui mercati è stato compiuto. Business Insider ha riportato anche che Apple sta testando un servizio chiamato iCloud Voicemail che automaticamente trascrive i messaggi della segreteria telefonica usando Siri. E’ probabile che Apple voglia perfezionare il servizio di voicemail prima di lanciare l’Mvno. Infatti, al momento i messaggi lasciati in “segreteria” vengono conservati dal carrier, ma quando sarà Apple l’operatore mobile, benché virtuale, i suoi clienti non avranno una relazione diretta con la telco: con iCloud Voicemail, è Apple a conservare i messaggi vocali, liberandosi dalla dipendenza dall’operatore telefonico e preparandosi ad essere l’unico interlocutore col suo cliente.

Articolo 1 di 4