La scure di Goldman Sachs su Apple: "Sell" - CorCom

IL DOWNGRADE

La scure di Goldman Sachs su Apple: “Sell”

La banca d’affari vede nero sul futuro della Mela a causa degli impatti del Coronavirus: effetti negativi sulle vendite degli iPhone e degli altri device

17 Apr 2020

A. S.

Goldman Sachs decide per il downgrade del titolo Apple, sulla scia dei timori che l’emergenza coronavirus possa impattare negativamente sulle vendite degli iPhone e degli altri device prodotti dalla casa di Cupertino. L’indicazione della banca d’affari è così “sell”, vendere, con il prezzo target del titolo che scende da 250 a 233 dollari, mentre le stime sui profitti calano per la terza volta dal mese di febbraio.

Secondo il  gruppo di analisti guidato da Rod Hall men mano che ci si avvicina al giro di boa del 2020 le vendite sono destinate a proseguire in modo deciso nella curva calante, mentre una ripresa è prevista per i mesi che porteranno al 2021.

“Prevediamo anche una persistente debolezza del prezzo medio di vendita – scrivono gli analisti motivando il downgrade – man mano che i consumatori saranno più attenti a fare economie, come è successo nei precedenti periodi di regressione. In aggiunta a questo crediamo che la la crescita dei servizi sia destinata a rallentare nel 2021 dopo che la domanda si è dimostrata stagnante in quest’anno”. 

WHITEPAPER
Costruire agilità in modo rapido per la tua azienda: 5 passi essenziali
Digital Transformation
Storage

Le previsioni di Goldman, per l’esattezza, parlano di un calo del 36% nella domanda iPhone nel secondo trimestre del 2020, per una diminuzione complessiva del 24% se si prende in esame l’intero primo semestre dell’anno. 

Le performance degli altri prodotti dovrebbero seguire secondo gli analisti una traiettoria simile: “Ci sono diversi esempi – spiegano –  del fatto che il calo del prezzo medio di vendita in un periodo di  recessione possa essere la causa di  una diminuzione del prezzo che dura più a lungo del periodo in cui le vendite iniziano a riprendersi”.

La discesa dei prezzi potrebbe riguardare anche il 5G, mentre la diminuzione dei viaggi su scala globale potrebbe causare un ritardo del lancio del nuovo modello di iPhone.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

R
Rod Hall

Aziende

A
apple
G
Goldman Sachs

Approfondimenti

C
coronavirus
I
iPhone

Articolo 1 di 3