Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Applicazioni: via all’eco-sistema di Alcatel-Lucent

Approccio olistico per la nuova suite di strumenti tecnologici e servizi dedicati allo sviluppo e distribuzione di applicazioni in rete. Obiettivo: capitalizzare il business del Web 2.0

03 Dic 2009

Un eco-sistema finalizzato allo sviluppo di nuove applicazioni Web
2.0 e multimediali. In grado di far leva su nuovi modelli di
business e sulla collaboprazione più stretta tra operatori di rete
sviluppatori di applicazioni e fornitori di contenuti.
Alcatel-Lucent scommette sulle applicazioni attraverso nuovi
strumenti tecnologici e servizi destinati a rendere più facile la
progettazione, creazione e distribuzione di applicazioni in rete.
All’insegna della convergenza.

“Alcatel-Lucent ha individuato un modo elegante ed ingegnoso per
aiutare gli operatori nonché i fornitori di applicazioni e
contenuti a far leva su un nuovo modello di sviluppo applicativo,
fondendo le risorse di alto livello delle reti con l’agilità e
la genialità di migliaia di sviluppatori per l’ambiente Web”,
sottolinea Elisabeth Rainge, Director di Idc. “L’approccio
olistico, di tipo end-to-end, verso lo sviluppo applicativo può
aiutare gli operatori di rete a capitalizzare la loro proposta di
valore nella catena complessiva del Web 2.0 e oltre”.

In dettaglio, i nuovi annunci comprendono l’Application Exposure
Suite (Aes), l’Open Api Service (Oas) e un ampio catalogo di
servizi di trasformazione e supportano la visione di
“abilitazione applicativa” di Alcatel-Lucent, che si basa sulla
combinazione tra le competenze proprie degli operatori e il
dinamismo e l’approccio innovativo tipici del Web per offrire
nuove e più ampie esperienze d’utilizzo al mondo consumer e
professionale. Le risorse offrono accesso a informazioni chiave di
servizio, come elementi di localizzazione, preferenze degli utenti,
dati per la fatturazione. Il tutto semplificando la creazione, da
parte degli sviluppatori, di applicazioni “mash-up”, ovvero in
grado di integrare fonti multiple, che combinino le elevate
funzionalità delle reti degli operatori con le capacità tipiche
del Web.