Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

GIUSTIZIA

Apre in Cina il tribunale delle “cause digitali”

A deciderlo la 36esima sessione del comitato centrale del Partito comunista. La corte di Hangzou si concentrerà sulle controversie civili legate a Internet. Con audizioni, dibattimenti e verdetti rigorosamente online

18 Ago 2017

A.S.

Un tribunale online, dove audizioni, dibattimenti e sentenze si svolgeranno via Internet, e che sarà chiamato a decidere esclusivamente su contenziosi civili e amministrativi legati al web, dalla pirateria online al commercio elettronico.

A deciderne la creazione è stato il Comitato centrale del Partico comunista, durante la 36esima sessione che si è svolta il 28 giugno. La cerimonia di inaugurazione della nuova corte di Hangzhou, nella provincia di Zhejiang, è avvenuta nelle scorse ore.

La decisione di istituire il tribunale “speciale” è arrivata dopo che i casi di cause legali legate a Internet è cresciuto considerevolmente in Cina negli ultimi anni, passando dai 600 casi del 2013 agli oltre 10mila del 2016.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
cina
I
internet

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link