Arriva Alibaba, l'e-commerce made in Cina sbarca in Italia - CorCom

STRATEGIE

Arriva Alibaba, l’e-commerce made in Cina sbarca in Italia

L’azienda aprirà uffici anche in Francia e Germania. Il CEO cinese Zhang: “Pronti a conquistare l’Europa”

13 Ott 2015

Patrizia Licata

Alibaba arriva anche in Italia. Il colosso cinese dell’ecommerce aprirà uffici nel nostro Paese, oltre ad aprire il suo negozio digitale in Francia e Germania. Lo ha reso noto l’azienda stessa. Lo sbarco il Europa è affermato.

Alibaba prosegue così nella sua espansione internazionale, chiamata a sostenere robusti ritmi di crescita che il mercato cinese da solo non può alimentare perché lo sviluppo economico della Cina è in una fase di rallantamento.

Il presidente di Alibaba Michael Evans ha confermato che gli uffici, che saranno aperti nel giro dei prossimi mesi, rappresentano la nuova mossa di Alibaba per espandere la sua presenza in Europa e che il gruppo si sta muovendo su più fronti per allargare l’attività negli Usa, in Asia e in tutto il mondo.

WEBINAR
La ricetta Blue Ocean dello chef stellato Davide Oldani per differenziarsi dai competitor
CIO
Digital Transformation

Il chief executive Daniel Zhang ha aggiunto che quest’anno l’ecommerce cinese Alibaba sta promuovendo con decisione la vendita di prodotti esteri ai consumatori cinesi, così come quella di prodotti cinesi verso compratori stranieri, a segnalare il crescente focus dell’azienda sull’espansione internazionale: è nei mercati fuori dalla Cina che Alibaba vuole trovare nuovi ampi bacini di utenti e di aziende di cui commercializzare i prodotti.

Le dichiarazioni dei manager di Alibaba sono arrivate durante un evento organizzato per annunciare il prossimo festival del “Singles Day” in Cina che si terrà l’11 novembre è che è una giornata speciale dedicata allo shopping online. Nel Singles Day dell’anno scorso Alibaba ha segnato un record registrando sulle sue piattaforme online vendite per 9,3 miliardi di dollari. Ciò nonostante il passato scandalo tra la fiducia degli acquirenti nei fornitori, e le garanzie acquistate dai fornitori.

Il tasso di crescita è però inferiore rispetto all’anno precedente e per questo Alibaba guarda con crescente interesse ai mercati fuori dalla Cina, non escludendo nemmeno l’acquisizione di startup: la crescita economica non è più così brillante come in passato e i mercati urbani cinesi, che sono il cuore del business di Alibaba, sono prossimi alla saturazione. La risposta è la spinta verso le zone rurali cinesi da un lato e verso i paesi esteri dall’altro, tra cui l’Italia.